Notizie Locali


SEZIONI
Catania 29°

SANT'ANTONIO ABATE

Dopo la confisca, pioggia di disdette per il noto ristorante-hotel «Il Castello delle Cerimonie»

Di Redazione |

Il Grand Hotel «La Sonrisa», più noto come «Il Castello delle Cerimonie», location dell’omonima serie tv di Real Time dedicata ai festeggiamenti per i matrimoni e altre ricorrenze, confiscato e affidato al comune di Sant’Antonio Abate, sta subendo una pioggia di disdette di prenotazioni da parte delle coppie di sposi che da qui all’estate sognavano di festeggiare nel famoso ristorante-hotel le proprie nozze.

Il danno economico è notevole, anche per i clienti che hanno fatto già partire gli inviti verso parenti e amici. Ma oltre agli sposi promessi – che telefonano con insistenza alla reception – sono soprattutto i circa 150 dipendenti, tra fissi e stagionali, a temere per il proprio futuro anche in considerazione del consistente indotto che ruota intorno alle cerimonie principesche che organizza il «Castello».

Dalle 8 sono riuniti nell’hotel da cui si sono mossi all’indirizzo del Comune di Sant’Antonio Abate, per chiedere che una loro delegazione venga ricevuta dalla sindaca Ilaria Abagnale alla quale intendono manifestare le proprie preoccupazioni e la richiesta di attivarsi per assicurare all’hotel la continuità lavorativa che rappresenta, per Sant’Antonio Abate, una importante fonte di reddito per circa 300 famiglie.

Tra le ipotesi, tenere aperta la struttura ricettiva affidandone la gestione a privati, mediante un bando pubblico che escluda gli attuali proprietari. Il Comune potrebbe ricavarne un fitto da destinare a scopi di pubblica utilità. A Sant’Antonio Abate esiste già un simile esempio, con un ristorante che fu confiscato ed è stato lasciato alla gestione privata, assicurando al Comune il fitto del locale.

La vicenda giudiziaria

La vicenda giudiziaria della “Sonrisa” è iniziata nel 2011. All’epoca gli inquirenti contestarono una lunga serie di abusi edilizi realizzati a partire dal 1979 su un’area ampia oltre 40mila metri quadrati. Ora la definitiva confisca riguarda gli immobili e i terreni su cui sorge la struttura ricettiva, destinati a essere acquisiti nel patrimonio immobiliare del Comune. Due le opzioni a disposizione dell’amministrazione comunale: demolirla o utilizzarla, ma solo a scopi di pubblica utilità.

Con la sentenza emessa nel 2016 dal Tribunale di Torre Annunziata vennero condannati a un anno di reclusione (pena sospesa) Rita Greco, morta nell’agosto 2020 a 80 anni, moglie del patron Antonio Polese (anche lui deceduto all’età di 80 anni, il primo dicembre 2016), e Agostino Polese, fratello di Antonio, che rivestiva la carica di amministratore della società. La sentenza di primo grado venne però riformata in parte, dalla Corte d’appello di Napoli e da ieri è passata in giudicato, con il pronunciamento degli ermellini che hanno anche sancito la prescrizione dei reati contestati agli indagati.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA