Notizie locali
Pubblicità

Italia

«Torna nella giungla scimmia», a Foggia gli insulti razzisti al calciatore di 21 anni

Così è stato apostrofato Abdoulaye Fofana un giocatore proveniente dalla Guinea della squadra Heraclea dei Monti Dauni

Di Redazione

«...torna nella giungla scimmia». Così è stato apostrofato Abdoulaye Fofana un calciatore di 21 anni della Guinea della squadra Heraclea dei Monti Dauni (Foggia) che milita nel campionato dilettanti di prima categoria (girone C). Insulti giunti durante l'incontro di ritorno con l’Altavilla Irpina che si è disputato domenica scorsa, poi sospeso, sul campo di Rocchetta Sant'Antonio (Foggia). «Gli insulti - racconta all’ANSA - erano già partiti dall’incontro di andata. Sono stato insultato e fischiato da calciatori e da spettatori per 90 minuti. Mi hanno detto di tutto».

Pubblicità

Il giorno seguente all’incontro di andata, il calciatore ha ricevuto un sms di scuse da parte del presidente dell’Altavilla. «Sono un ragazzo come te - gli ha scritto - che prova vergogna per le persone stupide ed ignoranti che credono che il colore della pelle possa essere importante nella vita». 

 Nella partita di domenica scorsa il giovane guineano, che lavora per una impresa edile a Calitri (Avellino), è stato nuovamente apostrofato con insulti a sfondo razziale. Ma questa volta, ormai esasperato, ha reagito alle offese, inveendo contro chi lo attaccava. In campo si è scatenata una piccola rissa, al termine della quale l’arbitro ha deciso di sospendere la partita. 

 «Io sono orgoglioso del colore della mia pelle - dice il 21enne - Questo non mi impedisce di andare a lavorare, di giocare a calcio e di condurre una vita normale». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA