Notizie locali
Pubblicità

Italia

Amianto: Rfi condannata a risarcire vedova e figli operaio

Esposizione dannosa, 200.000 euro per parenti lavoratore

Di Redazione

FOGGIA, 22 FEB - Rete ferroviaria italiana è stata condannata dal Tribunale di Roma a risarcire di 200.000 euro la vedova e i due figli di un operaio di Foggia morto all'età di 69 anni di mesotelioma da esposizione ad amianto. Il ricorso era stato presentato dagli avvocati Daniela Cataldo ed Ezio Bonanni, quest'ultimo presidente dell' osservatorio nazionale Amianto. Stando alla ricostruzione dell'accaduto fornita proprio dall'associazione, dal 1969 la vittima ha lavorato come aggiustatore meccanico nelle officine grandi riparazioni di Foggia di Rfi occupandosi della manutenzione dei rotabili ferroviari, motori, tubazioni, cavi elettrici. Dopo 14 mesi, è specificato, gli è stato diagnosticato un mesotelioma da esposizione ad amianto. E' morto a 69 anni lasciando la moglie di 63 anni, e i due figli di 37 e 33 anni. La società, a quanto viene riferito dall'osservatorio, aveva contestato il ricorso affermando che "solo a partire dalla metà degli anni '70 vi è stata la presa di coscienza circa la pericolosità della esposizione a fibre in amianto". Il giudice Antonella Casoli ha richiamato precedenti sentenze ha ribadito la responsabilità per aver esposto l'operaio "a elevatissime concentrazioni di polveri e fibre di amianto, contenute nei materiali manipolati e comunque aerodisperse nell'ambiente di lavoro". Secondo il giudice Rfi avrebbe "omesso di mettere a disposizione dei lavoratori dispositivi di protezione individuale, quali mascherine e tute da lavoro e di informare il lavoratore sui rischi connessi all'amianto".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: