Notizie locali
Pubblicità

Italia

Avvelenò il marito, condannata a 30 anni va ai domiciliari

Dopo l'omicidio ha avuto una figlia che ha ancora pochi mesi

Di Redazione

TERMINI IMERESE, 23 FEB - Condannata a trent'anni di carcere per avere avvelenato il marito, va ai domiciliari perchè ha una figlia di pochi mesi. La sentenza è stata emessa stamane dal Gup del Tribunale di Termini Imerese Valeria Gioeli nei confronti di Loredana Graziano, 36 anni, accusata di avere assassinato il marito Sebastiano Rosella Musico, un pizzaiolo 40 anni. Il processo si è svolto con il rito abbreviato. L'omicidio risale al gennaio del 2019. La donna, che si è sempre professata innocente, secondo l'accusa avrebbe ucciso il marito somministrandogli cibi contenenti dosi di cianuro e di un anticoagulante, il Coumadin.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA