Notizie locali
Pubblicità

Italia

Carol Maltesi: chi è Davide Fontana, il mostro della porta accanto

Chi è l'uomo che ucciso e fatto a pezzi la giovane attrice 

Di Redazione

Un uomo «totalmente normale»: era così', secondo i vicini di casa, Davide Fontana, che lo scorso gennaio ha ucciso a martellate una giovane madre, la 26enne Carol Maltesi, e dopo averla assassinata ha anche fatto a pezzi il suo corpo, lo ha messo nel freezer comprato apposta e installato a casa di lei, a poche porte di distanza dalla sua.

Pubblicità

Qui il corpo è rimasto finché il bancario milanese non ha preso la 500 di Carol e lo ha scaricato in un dirupo a Borno, nel Bresciano, dove - ha raccontato ai carabinieri - andava in vacanza da bambino. 
 

 

Con quella stessa 500 grigia, il 43enne ha continuato a girare per mesi dopo l’assassinio, come nulla fosse. E, come nulla fosse, rispondeva ai messaggi arrivati sul telefono di Carol e a quelli sui social, dove lei aveva anche un profilo con il nome d’arte scelto per la sua attività di performer per adulti. 

Lui, il bancario, pure food blogger per passione, oltre al profilo dedicato al cibo aveva un secondo profilo Instagram dove pubblicava solo foto di giovani in mise succinte e pose provocanti, tutte con nome d’arte. L’ultima proprio quella di Carol, in arte Charlotte Angie, pubblicata lo scorso 13 marzo, una settimana prima che il corpo della giovane venisse ritrovato in un dirupo in Valcamonica. 

 


 Ai carabinieri, il 43enne - che nel blog dedicato alla cucina si definisce un «ariete atipico, calmo e razionale ma testardo e determinato a raggiungere gli obiettivi prefissati» - ha raccontato che nessuno, a parte la madre e l’ex compagno, aveva cercato Carol dalla sua scomparsa, anche se c'è chi lo smentisce. Un’amica e collega, l’attrice porno Sabrina Ice, aveva provato a contattarla, e lui le aveva risposto che aveva lasciato il mondo dell’hard. Poi le aveva proposto di fotografarla. Un’attività che il bancario coltivava su Instagram, con un profilo dove invitava a contattarlo direttamente per eventuali collaborazioni. «Scatto per passione, sperimento, esploro. La banalità mi annoia», la sua presentazione. 
 Fontana era «un ragazzo normalissimo, sempre bello tranquillo, per tutto questo tempo ha continuato a entrare e uscire di casa come nulla fosse» dicono i vicini di pianerottolo. Ma i dirimpettai ricordano invece un continuo via vai di ragazze, tutte giovani, tutte belle. Come lo era Carol.

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: