Notizie locali
Pubblicità

Italia

Clima: 'Ultima generazione' manifesta a Venezia

Due attivisti 'incollati' alla 'Tempesta' di Giorgione

Di Redazione

VENEZIA, 04 SET - Questa mattina nelle Gallerie dell'Accademia di Venezia due giovani del movimento Ultima generazione hanno manifestato la loro richiesta di agire, con urgenza, per fermare il disastro climatico incollando le proprie mani alla cornice del dipinto cinquecentesco "La Tempesta" del Giorgione. Da molti anni gli storici dell'arte si interrogano sul significato dell'enigmatica opera del Giorgione: un monito per l'umanità, il suo rapporto con la natura, simbologia alchemica o rappresentazione biblica? Il mistero rimane irrisolto. "Un evento catastrofico è all'orizzonte: sconvolgerà la pace e romperà l'equilibrio in cui viviamo lasciando solo rovine - sostengono i promotori dell'iniziativa - . Lo vediamo avvicinarsi, percepiamo la minaccia ma non facciamo nulla per evitarlo. Non è un mistero invece che da molti anni l'evidenza scientifica ci ha resi consapevoli delle drammatiche conseguenze del cambiamento climatico. Ogni giorno siamo testimoni di fenomeni atmosferici estremi in tutto il mondo, a cominciare dal nostro territorio. Circa 50 alluvioni hanno colpito l'Italia negli ultimi 20 anni. Tutta l'Italia è costretta a razionare l'acqua a causa della siccità". I manifestanti aggiungono: "con l'azione di disobbedienza civile alle Gallerie dell'Accademia, con le voci e i corpi di Beatrice e Bjork chiediamo ancora una volta al Governo di intraprendere azioni concrete verso l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili e l'abbandono dei combustibili fossili".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: