Notizie locali
Pubblicità

Italia

Due lanciarazzi trovati dai carabinieri nella Locride

Erano nascosti in un terreno tra Caraffa del Bianco e Bruzzano
Di Redazione

REGGIO CALABRIA, 17 FEB - I carabinieri dello squadrone eliportato Cacciatori "Calabria" hanno trovato e sequestrato nella Locride due lanciarazzi anticarro e il relativo munizionamento. Le armi da guerra clandestine erano nascoste tra le rocce e sono state individuate nel corso di un servizio di rastrellamento in un'area rurale pre-aspromontana compresa tra i Comuni di Caraffa del Bianco e Bruzzano Zeffirio. In particolare si tratta di due lanciarazzi M80 "Zolja" perfettamente funzionanti, caricati di munizionamento da 64 mm erano in un terreno incolto e di libero accesso. A insospettire i militari è stato un cumulo di sassi coperto da fitta vegetazione, situato alle basi di un rudere. Sollevate le prime pietre è affiorato un tubo in pvc di colore arancione al cui interno c'erano le due armi da guerra. Sul posto sono intervenuti anche i reparti specializzati del Comando Provinciale di Reggio Calabria. I carabinieri artificieri hanno messo in sicurezza il sito eseguendo successivamente la procedura di distruzione dei due razzi tramite brillamento. Subito dopo la sezione Investigazioni scientifiche ha effettuato accertamenti tecnici sul luogo del rinvenimento per cercare di risalire a chi avesse la disponibilità delle armi. Indagini sono in corso per capire se i due lanciarazzi fanno parte dell'arsenale delle cosche della Locride o se si trovassero in quel terreno, invece, perché qualcuno aveva il progetto di utilizzarli contro qualche obiettivo.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA