Notizie locali
Pubblicità

Italia

Due giovani scambiati per ladri uccisi a Ercolano

A sparare, colpendoli alla testa, è stato un autotrasportatore di 53 anni che poco tempo aveva subito un furto. I due giovani erano fermi in auto davanti alla sua villetta

Di Redazione

Erano fermi in auto, stavano chiacchierando prima di tornare a casa dopo aver assistito alla vittoriosa gara del Napoli in un bar vicino. Giuseppe e Tullio erano due bravi ragazzi, persone perbene come le loro famiglie che abitano a poca distanza l’una dall’altra a Portici. A pochi chilometri da Ercolano dove la scorsa notte, mentre si trovavano in auto in via Marsiglia, zona periferica della città, sono stati esplosi contro di loro colpi di pistola. 

Pubblicità

Giuseppe Fusella, 26 anni, e Tullio Pagliaro, di 27, entrambi senza precedenti, sono stati uccisi - secondo l’accusa - da Vincenzo Palumbo, un autotrasportatore di 53 anni che vive, con moglie e figlia, in una villetta della zona, proprio davanti alla quale era parcheggiata la vettura. 
Palumbo ha sparato con un’arma legalmente detenuta: a settembre di quest’anno aveva subito il furto di un’auto. Fusella e Pagliaro sono stati ammazzati molto probabilmente perchè scambiati per ladri e del resto, fin da subito, i Carabinieri hanno escluso l’ipotesi che si trattasse di un agguato di camorra. L’uomo che li ha uccisi aveva subito un furto pochi mesi fa e quindi forse pensava di trovarsi di fronte a dei ladri. 

Palumbo - secondo quanto emerso dalle indagini - ha sparato sei volte e ha centrato alla testa i due ragazzi che sono deceduti sul colpo. L’uomo - che in un primo momento si era pensato avesse colpito dal terrazzo - era verosimilmente posizionato frontalmente alla vettura. Le ogive hanno tutte trapassato il parabrezza e due raggiunto le due vittime. A chiamare i carabinieri è stato proprio Palumbo, dicendo di avere sparato a «due ladri». L’uomo è stato lungamente interrogato dagli inquirenti e non si esclude l’iscrizione nel registro degli indagati per l’ipotesi accusatoria di duplice omicidio. A condurre l’interrogatorio nella caserma dei Carabinieri a Torre del Greco il pm Filippelli. Palumbo non ha nominato un avvocato di fiducia ed è assistito da un legale d’ufficio. Gli inquirenti per ore e ore hanno cercato di capire che cosa possa essere scattato nella sua testa e cosa lo abbia portato a sparare. A Portici, dove i due giovani vivevano, profondo dolore per i familiari che Interpellati dai cronisti, chiusi nel loro dolore, non rilasciano dichiarazioni nè commenti. "Intorno alle 1.30 ho sentito quattro o cinque colpi di arma da fuoco e ho pensato che fossero fuochi di artificio, anche perché qui in zona spesso c'è l’usanza di accendere fuochi». Così Sofia, una donna che abita, in via Marsiglia ad Ercolano. "Subito sirene e forze dell’ordine sul posto e mi sono spaventata molto», aggiunge la donna dicendo che la la zona è abbastanza tranquilla. 

«La nostra città è sconvolta da quanto accaduto la scorsa notte a San Vito. Una tragedia che ha colpito profondamente la nostra comunità». Così il sindaco di Ercolano (Napoli) Ciro Buonajuto. «Questo è il momento del silenzio. Ora gli inquirenti stanno accertando l’esatta dinamica dell’accaduto. Il mio pensiero come sindaco e come padre - aggiunge - è per le famiglie colpite da questa immane tragedia». «È un dolore enorme che colpisce la nostra comunità: la morte di due ragazzi usciti di casa per una serata di divertimento che si è conclusa in modo tragico». 

Manifesta tutto il suo dolore personale e quello di tutta la città, Vincenzo Cuomo, sindaco di Portici, la città alle porte di Napoli dove abitavano i due ragazzi uccisi la scorsa notte nella vicina Ercolano. «Esprimo il mio sgomento e il mio dolore e quello della nostra intera comunità - dice ancora Cuomo - per la morte di Giuseppe e Tullio, due figli della nostra terra certo di interpretare i sentimenti di tutta la città». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: