Notizie locali
Pubblicità

Italia

Giustizia: 27 e 28 giugno sciopero dei penalisti

Contro prassi su cambio giudici che compromette diritti imputati

Di Redazione

ROMA, 14 GIU - "Denunciare l'inaccettabile compromissione dei diritti costituzionali che quotidianamente si verifica nelle aule di giustizia con le reiterate modifiche della composizione dei collegi in un numero elevato di processi" e anche "sollecitare Governo e Parlamento ad assumere immediati provvedimenti in grado di risolvere le storture determinatesi nel sistema e così riaffermare l'inderogabilità dei principi del giusto processo" . Sono gli obiettivi per i quali l'Unione delle Camere Penali Italiane ha proclamato due giorni di astensione dalle udienze dal 27 e al 28 giugno, giorno in cui è stata anche organizzata una manifestazione nazionale a Roma. In particolare con la protesta - che si terrà in tutta Italia con le sole eccezioni dei circondari di Benevento e Napoli Nord, dove sono già state organizzate altre astensioni dalle udienze - l'Ucpi intende denunciare "la compromissione del diritto dell'imputato a essere giudicato dal medesimo giudice che ha raccolto la prova in dibattimento". Si tratta di "un accadimento processuale che ormai si verifica quotidianamente nelle aule di udienza- sottolinea la giunta nella delibera che ha proclamato lo sciopero e che è stata inviata al capo dello Stato, ai presidenti di Camera e Senato, al premier Draghi e alla ministra Cartabia- quale effetto devastante di regressive interpretazioni della disciplina processuale, che consentono di omettere la rinnovazione della prova in caso di mutamento del giudice".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: