Notizie locali
Pubblicità

Italia

Inviate le lettere di licenziamento ai dipendenti di Air Italy: addio all'ex Meridiana

Di Redazione

Al via i licenziamenti degli oltre 1300 lavoratori di Air Italy, l'ex Meridiana. Sono partite, infatti, le lettere firmate dai liquidatori, Enrico Laghi e Franco Maurizio Lagro, che hanno per oggetto la comunicazione ex articoli 4 e 24 della legge 223 del 1991. Lo si apprende da fonti sindacali. "In data 23 settembre 2021 la nostra società ha avviato la procedura sindacale di licenziamento collettivo per cessazione di attività ai sensi degli articoli 4 e 24 legge 23 luglio 1991, numero 223 e successive modificazioni, riguardante tutti i dipendenti della società, che si è conclusa", si legge nel testo della lettera. "Poiché l'esubero oggetto della procedura di licenziamento collettivo riguarda tutti i dipendenti della società, le comunichiamo il suo licenziamento, ai sensi e per gli effetti della legge in oggetto, con effetto immediato e pagamento dell’indennità sostitutiva del preavviso". 

Pubblicità

Per Air Italy in liquidazione dal febbraio del 2020 si chiude una storia di quasi 60 anni. A concepire il progetto di una compagnia aerea di base in Sardegna, con uno dei suoi principali hub in Costa Smeralda, era stato il principe ismaelita Karim Aga Khan. Nel 1963 nasceva, infatti, Alisarda. Negli anni la compagnia numerose ristrutturazioni e riorganizzazioni. Da Alisarda è diventata Meridiana, poi Meridiana Fly e infine Air Itay. A più riprese, si è anche parlato di una fusione tra Alitalia e Meridiana, l’ultima volta è stata nel 2013. Operazione smentita e mai decollata perché le due compagnie hanno scelto strade diverse con partner diversi anche se geograficamente vicini. In Alitalia atterra, con la quota di minoranza del 49% (per non perdere i diritti di volo in Ue), Etihad, la compagnia di Abu Dhabi. In Air Italy entra Qatar Airways sempre con il 49% e il decollo avviene nel febbraio del 2018 con il cuore operativo che si trasferisce a Malpensa. L’obiettivo allora dichiarato era di trasportare 10 milioni di passeggeri nel 2022. Anno in cui invece finirà probabilmente la storia della compagnia.

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA