Notizie locali
Pubblicità

Italia

L'addio a “bisteccone” Galeazzi, per anni la voce dello sport in tv

Di Redazione

La voce dello sport in tv, o per tanti amici "bisteccone", per via della sua stazza, ma indimenticabili restano le sue telecronache dei fratelli Abbagnale, in quello che era stato il suo primo amore, il canottaggio. Addio alla voce dello sport in tv, è morto Giampiero Galeazzi, aveva 75 anni ed era malato da tempo. Nato a Roma il 18 maggio 1946 in gioventù, dopo la laurea in economia era diventato professionista di canottaggio - vinse il campionato italiano nel singolo di canottaggio nel 1967. 

Pubblicità

 Poi è entrato in Rai come giornalista sportivo prima alla radio e poi in tv, prima alla Domenica Sportiva e poi a Mercoledì Sport. Di lui si ricordano le telecronache degli eventi sportivi come la mitica medaglia d’oro dei fratelli Abbagnale a Seul nel 1988. Negli Anni Ottanta fu anche inviato della Ds per gli incontri più importanti della Serie A. Galeazzi fu anche inviato Rai per l’incontro di Reykjavik fra Gorbaciov e Reagan nel 1986 e passò poi a condurre trasmissioni storiche come «90esimo minuto» dal 1992 al 1999 e ha partecipato al festival di Sanremo del 1996 con Pippo Baudo. Nel 2010 e nel 2012 ha partecipato a Notti Mondiali e Notti Europee, entrambe trasmissioni Rai. 

L’ultima apparizione di Giampiero televisiva risale a tre anni fa a Domenica In.  Tifoso della Lazio, da anni combatteva contro una grave forma di diabete.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA