Notizie locali
Pubblicità

Italia

La moglie di Alika, 'Ferlazzo non è matto, voleva uccidere'

Appello di Charity, 'non dormo più, non lasciatemi sola'

Di Redazione

ANCONA, 04 AGO - "Non lasciatemi sola": lo chiede, attraverso l'ANSA, Charity Oriakhi, la moglie di Alika Ogochukwu, l'ambulante nigeriano di 39 anni ucciso di botte, lo scorso venerdì 29 luglio, a Civitanova Marche dal 32enne salernitano Filippo Ferlazzo dopo che Alika aveva chiesto l'elemosina. Charity è una donna distrutta che non si rassegna alla morte di suo marito e come un mantra ripete: "Voglio giustizia". Le poche lacrime rimaste le solcano il viso e si mescolano al sudore, gli occhi a volte si perdono nel vuoto della piccola stanza dove fa un caldo infernale. "Non dormo dal giorno in cui Alika è stato ucciso, mio figlio Emmanuel non si dà pace e chiede sempre di papà", racconta con un filo di voce. Per poi alzare il tono quando deve sottolineare che "quel Filippo non è matto, è sano e ha voluto uccidere mio marito".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA