Notizie locali
Pubblicità

Italia

Mafia: colpo al mandamento di Santa Maria di Gesù, 24 arresti a Palermo

Operazione dei carabinieri alla periferia orientale di Palermo: un gruppo di imprenditori si era messo a disposizione dei clan

Di Redazione

Operazione antimafia in uno dei mandamenti storici di Cosa Nostra a Palermo, quello di Santa Maria di Gesù. I Carabinieri del Ros, con il supporto dei militari del comando provinciale di Palermo, del nucleo carabinieri cinofili e del nucleo elicotteri hanno arrestato 24 persone, accusate di associazione di tipo mafioso, estorsione, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, rapina e trasferimento fraudolento di valori.

Pubblicità

Secondo le indagini, farebbero parte della famiglia mafiosa di Villagrazia e Santa Maria di Gesù, alla periferia orientale della città. L'ordinanza di custodia cautelare (21 in carcere e tre ai domiciliari) è stata emessa dal gip di Palermo su richiesta della locale Dda. Le indagini, sono state coordinate dal procuratore Aggiunto Paolo Guido e dai sostituti procuratori Dario Scaletta e Luisa Bettiol.

Dalle indagini è emerso che un gruppo di imprenditori palermitani, attivi nel settore della distribuzione alimentare e dei giochi e scommesse, avrebbe messo a disposizione del mandamento mafioso di Santa Maria di Gesù-Villagrazia, le proprie attività imprenditoriali. 

Gli imprenditori avrebbero così contribuito "alla realizzazione del programma criminoso, favorendo l’organizzazione nella commissione di delitti contro l’incolumità individuale, la libertà personale ed il patrimonio". A due di loro è stata notificata la misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività di commercio.  


Anche le feste rionali erano finite sotto il controllo del clan di Santa Maria di Gesù. Secondo gli investigatori, sarebbe stato chiesto del denaro ai commercianti della zona per l’organizzazione degli eventi e in prima persona gli indagati si sarebbero occupati degli aspetti della logistica e della sicurezza urbana, delle modalità di chiusura delle strade e di somministrazione degli alcolici. Sarebbero, infine, stati avviati contatti con un noto cantante neomelodico, che si sarebbe dovuto esibire durante la manifestazione, poi sfumata dopo che la questura negò l'autorizzazione. Diversi nuclei familiari dei soggetti interessati dalla misura cautelare sono risultati percettori del «reddito di cittadinanza». Nella zona della Guadagna, infine, sempre nell’ambito dell’inchiesta, è stata scoperta un’organizzazione che gestiva il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti. 


Questi gli indagati nell’operazione antimafia a Santa Maria di Gesù dei carabinieri del Ros: in carcere sono stati portati i palermitani Giovanni Adelfio, 58 anni, Mario Adelfio, 65 anni, Salvatore Adelfio, 30 anni, Dario Algeri, 28 anni, Salvatore Binario, 39 anni, Mariano Calascibetta, 46 anni, Gioacchino Cardella, 53 anni, Salvatore Freschi, 46 anni, Giovanni La Mattina, 33 anni, Angelo Lombardo, 43 anni, Gaetano Lombardo, 41 anni, Massimo Mancino, 45 anni, Salvatore Profeta, 22 anni, Girolamo Rao, 49 anni, Rosario Rizzuto, 64 anni, Ignazio Traina, 61 anni, Antonio Viviano, 51 anni, Sandro Capizzi, 41 anni, detenuto, Francesco Guercio, 43 anni detenuto. Ai domiciliari Samuele Immesi, 23 anni, Antonino Lucera, 45 anni, Monica Meli, 37 anni. Due sono ricercati.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: