Notizie locali
Pubblicità

Italia

Morto in maxi tamponamento sull'A16, indagato un automobilista

Nel grave incidente, avvenuto sul tratto irpino, anche 8 feriti

Di Redazione

NAPOLI, 30 MAR - La Procura di Nola (Napoli) ha iscritto nel registro degli indagati un cinquantaseienne di Avellino, con l'ipotesi di reato di omicidio stradale, per il tragico incidente costato la vita nella serata di venerdì 25 marzo 2022 a Pasquale La Rocca D'Avino, di appena 42 anni, di Somma Vesuviana, nel Napoletano, e il ferimento di altre otto persone, tra cui un'amica che viaggiava con la vittima, G. D. M., ricoverata in gravi condizioni all'ospedale di Avellino. Lo rende noto lo Studio 3A. Il sostituto procuratore Patrizia Mucciacito ha disposto un doppio accertamento tecnico irripetibile: l'autopsia sulla salma per verificare con precisione le cause del decesso e le lesività, e una perizia cinematica per stabilire la complessa dinamica e tutte le responsabilità del tremendo maxi-tamponamento verificatosi sull'Autostrada A16 Napoli-Canosa, al km 18,7 in direzione Napoli, tra i caselli autostradali di Baiano e Tufino, nel territorio comunale di Casamarciano. I due incarichi sono stati conferiti lunedì scorso, 28 marzo, negli uffici giudiziari in Reggia Orsini, rispettivamente al medico legale dott. Antonio Palmieri e all'ing. Guido De Joanna. L'esame autoptico, avrebbe confermato che la morte di La Rocca D'Avino era stata determinata dal gravissimo trauma cranico conseguente all'incidente, un trauma compatibile in toto con un violento tamponamento.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA