Notizie locali
Pubblicità

Italia

Nuova inchiesta della Gdf sul calciomercato: riflettori sulle cessioni di Chiesa e Pjanic

Di Redazione

Nell’ambito della nuova inchiesta milanese sul calciomercato, la Guardia di finanza, coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dal pm Giovanni 
Polizzi, si è recata nelle sedi di vari club - che non sono indagati - per acquisire la documentazione su molte operazioni di compravendita gestite da Fali Ramadani e Pietro Chiodi, tra cui secondo quanto si apprende quella che ha portato Miralem Pjanic dalla Juve al Barcellona e il passaggio di Federico Chiesa dalla Fiorentina alla Juventus. Ramadani, inoltre, risulta agente del difensore del Napoli Kalidou Koulibaly e del tecnico della Lazio, Maurizio Sarri.

Pubblicità

I finanzieri del Nucleo speciale di polizia valutaria, oltre a perquisire Chiodi indagato assieme a Ramadani, hanno chiesto le carte delle operazioni gestite dai due agenti agli undici club perché - questa è l’ipotesi investigativa - il procuratore albanese, con l’aiuto di quello italiano ritenuto suo presunto «prestanome», sarebbe riuscito a non versare alcuna imposta. In pratica sarebbe riuscito a non dichiarare alcunché al Fisco italiano sulle cifre incassate per le mediazioni nelle compravendite in Italia e, in particolare, facendo transitare i suoi compensi su una rete di società estere. Da qui le accuse di evasione fiscale, tramite "esterovestizione societaria», e di riciclaggio e autoriciclaggio delle somme nascoste al Fisco. 

 Inquirenti e investigatori, a quanto si è saputo, con i documenti acquisiti oggi nelle sedi delle società vogliono passare al setaccio tutte le operazioni in cui Ramadani e Chiodi hanno fatto da agenti nelle cessioni e negli acquisti di calciatori incassando «commissioni». Ramadani è agente di tanti calciatori dell’Est Europa, tra cui, ad esempio, il portiere dell’Inter Samir Handanovic.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA