Notizie locali
Pubblicità

Italia

Operai licenziati via chat, ditta dell'Aretino pronta assumerli

Imprenditore di Sansepolcro ha scritto a sindaco Campi Bisenzio

Di Redazione

SANSEPOLCRO (AREZZO), 01 MAG - Saranno assunti da un imprenditore di Sansepolcro (Arezzo) i cinque operai pakistani licenziati via WhatsApp dalla ditta di Campi Bisenzio (Firenze) dopo essersi rifiutati di svolgere turni da 12 ore e lavorare a Pasquetta. L'imprenditore biturgense, Mauro Marini, appena letta la notizia, ha scritto una lettera al sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi esplicitando la volontà di assumere i cinque operai ingiustamente licenziati nella propria azienda, che produce borse e zaini per le forze armate. "Siamo una società multietnica, ed è impossibile prescindere da lavoratori stranieri, ho già otto lavoratori pakistani e tutti vanno tutelati" ha dichiarato Marini. A Sansepolcro sono già in corso le ricerche di alloggi per la loro sistemazione, assicura l'imprenditore.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA