Notizie locali
Pubblicità

Italia

Rapper arrestati: pm, a processo Baby Gang e Neima Ezza

Chiesto processo per 4 per una serie di rapine a Milano

Di Redazione

MILANO, 19 MAG - La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per i rapper Baby Gang, nome d'arte del ventenne Zaccaria Mouhib, Neima Ezza, ossia Amine Ez Zaaraoui, anche lui 20 anni, Samy Dhahri, 19 anni conosciuto come Samy Free, e per un 31enne albanese, tutti imputati in un procedimento per una serie di rapine nel capoluogo lombardo. Nell'inchiesta chiusa ad aprile, condotta dai carabinieri di Pioltello e dagli agenti dell'Ufficio Prevenzione Generale della Questura milanese e coordinata dal pm Leonardo Lesti, sono stati contestati, a vario titolo, quattro episodi: tre casi avvenuti in una zona centrale della movida milanese, tra le Colonne di San Lorenzo e piazza Vetra nel maggio 2021, e l'ultimo a Vignate, nel Milanese, lo scorso luglio. Baby Gang - già finito al centro di fatti di cronaca negli ultimi anni e poi indagato in altre due inchieste nelle scorse settimane, tra cui un episodio di resistenza agli agenti durante un controllo - era stato scarcerato, dopo l'arresto a fine gennaio, dal Riesame, perché il suo legale, l'avvocato Niccolò Vecchioni, aveva dimostrato che gli elementi probatori a suo carico erano lacunosi. Poi, a fine febbraio il gip Luca Milani ha revocato i domiciliari per Neima Ezza, sostituendoli con l'obbligo di dimora a Milano e di permanenza nella sua abitazione dalle ore 20 alle 7. E dandogli la possibilità di chiedere l'autorizzazione per fare concerti fuori dagli orari fissati. Revocati i domiciliari anche per Samy Free, anche in questo caso per l'attenuazione delle esigenze cautelari. Il quarto indagato, invece, non era stato arrestato. L'udienza preliminare si aprirà il 18 ottobre davanti al gup Domenico Santoro che dovrà decidere sul rinvio a giudizio o meno.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA