Notizie locali
Pubblicità

Italia

Ruby ter: pm, Berlusconi foraggiò compulsione spese Karima

'Garantì reddito e tetto a ragazze, accordo corruttivo con loro'

Di Redazione

MILANO, 25 MAG - "Le centinaia di migliaia di euro che Karima spendeva le venivano consegnate, tramite il suo legale Luca Giuliante, da Berlusconi; lei più di così non poteva spendere, più di così c'era solo buttare i soldi dalla finestra. Soffre in quel periodo di una vera e propria compulsione a spendere". Lo ha spiegato il pm di Milano Luca Gaglio nella requisitoria del processo sul caso Ruby ter a carico di Silvio Berlusconi, della stessa Ruby, di Giuliante e altri 26 imputati. Ruby, ha spiegato il pm, "si incontrò con Maria Rosaria Rossi", senatrice, ex fedelissima del Cavaliere e imputata anche lei, "e ricevette i soldi per andare in Messico", assieme all'allora fidanzato, anche lui imputato. Anche alle ragazze ex Olgettine "è stato assicurato che sarebbero state a posto sia come reddito, con un mensile da 2.500 euro, che per un tetto, una casa, un alloggio". Ci sono elementi e prove, ha spiegato il pm, "che dimostrano che già dal 2011", prima che le giovani andassero a testimoniare in aula, "esisteva un accordo corruttivo" tra l'ex premier e le ragazze "volto ad ottenere le false testimonianze di tutte le testimoni dei Ruby 1 e 2". Le giovani venivano "pagate anche per rendere interviste ai media non diverse da quelle in tribunale".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: