Notizie locali
Pubblicità

Italia

Studentessa a scuola con i jeans strappati, vicepreside glieli "cuce" con lo scotch

A denunciarlo sulla propria pagina Facebook è il Fronte della Gioventù comunista della città

Di Redazione

«Stamattina una studentessa si è presentata in una scuola di Cosenza indossando dei normalissimi jeans strappati e la vicepreside ha deciso di coprire gli strappi dei pantaloni, definendoli "poco decorosi" e 'inadeguati al contesto scolastico, con dei pezzi di scotch». Lo scrive, con un post sulla sua pagina Facebook, il Fronte della Gioventù comunista di Cosenza. 

Pubblicità

«L'abbigliamento di una ragazza - aggiunge il Fronte - non può essere determinato da un presunto 'dress codè della scuola, che non è riportato in alcun documento legale e che nega il diritto di ogni persona di esprimere se stessa anche con il modo di vestire. Riteniamo totalmente vergognosi atti di questo genere, che, a detta di diversi studenti e studentesse dell’istituto, si sarebbero ripetuti già svariate volte in passato e che sono il frutto di ciò che sta diventando oggi la scuola pubblica. La competizione tra i vari istituti, sempre più simili ad aziende che hanno come capi i dirigenti scolastici, porta ognuno di loro a volere apparire all’esterno come 'scuola d’elitè con studenti perfetti, imponendo loro norme assurde come questa». «Siamo pronti a mobilitarci al fianco degli studenti e delle studentesse - conclude il post - affinché non si verifichino più episodi inaccettabili di questo tipo». 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA