Notizie locali
Pubblicità

Italia

Tamponi facili in carcere, 25 richieste di rinvio a giudizio

Procura Biella, chiusa inchiesta in 2 mesi. Accusa è peculato

Di Redazione

BIELLA, 04 MAG - La Procura di Biella ha concluso, dopo due mesi, le indagini sui tamponi facili in carcere con la richiesta di rinvio a giudizio per 25 persone, tra cui l'ex direttore Tullia Ardito e l'ex comandante della polizia municipale. Il reato contestato è quello di peculato: per tutti l'accusa era di aver fatto uso in modo disinvolto dei tamponi Covid destinati ai detenuti per scopi personali. Il caso riguardava in tutto 51 persone: agenti, educatori, personale infermieristico e amministrativo, ma anche amici e parenti. I tamponi riservati ai detenuti del carcere venivano praticati anche a loro, fatti entrare nella struttura evitando di andare in farmacia o in ospedale e, quindi, senza pagare.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA