Notizie locali
Pubblicità

Italia

Ucraina: esarca Donetsk, possibili torture a preti arrestati

Fondazione pontificia Acs chiede a russi "immediata liberazione"

Di Redazione

CITTÀ DEL VATICANO, 30 NOV - L'esarcato greco-cattolico di Donetsk, Ucraina, ha diffuso un comunicato, ricevuto da Aiuto alla Chiesa che Soffre , relativo al parroco della chiesa della Natività della Beata Vergine Maria, padre Ivan Levytskyi, e al vicario Padre Bohdan Heleta, "illecitamente arrestati a Berdyansk". "Si presume che i sacerdoti possano essere torturati con lo scopo di ottenere da loro una confessione di possesso di armi, di cui erano stati precedentemente accusati dai rappresentanti dell'amministrazione istituita dalle truppe russe. Tale 'confessione' potrebbe essere necessaria per permettere al cosiddetto 'tribunale' di emettere un verdetto e punire illegalmente i nostri chierici". L'esarcato di Donetsk condanna "tali metodi di lotta contro la Chiesa, che sono una clamorosa violazione del diritto internazionale, in particolare delle leggi e delle consuetudini di guerra, e chiede l'immediato rilascio dei sacerdoti Ivan Levytskyi e Bohdan Heleta. Inoltre padre Bohdan Heleta ha una malattia per la quale ha bisogno di assumere regolarmente i farmaci specifici. Rimanere in stato di arresto e le torture rappresentano una minaccia molto seria per la sua vita". "Aiuto alla Chiesa che Soffre unisce la propria voce a quella dell'esarcato di Donetsk per richiedere, in nome della libertà religiosa, l'immediata liberazione dei due sacerdoti arrestati, colpevoli solo di non aver abbandonato i propri fedeli sofferenti", commenta Alessandro Monteduro, direttore di Acs Italia. "Coinvolgere in questo atroce conflitto due rappresentanti della Chiesa cattolica locale non fa altro che incrementare ulteriormente la tensione e accrescere lo smarrimento delle comunità loro affidate".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: