Notizie locali
Pubblicità

Italia

Ucraina, l'Italia potrebbe essere tra Paesi nel mirino di attacchi informatici

E’ la previsione degli esperti di sicurezza informatica, mentre già si stanno diffondendo nuovi virus legati a questo conflitto come HermeticWiper e Cyclops Blink

Di Redazione

Nel caso di un’escalation militare nel conflitto Russia-Ucraina, con il coinvolgimento della Nato, altri paesi tra cui l’Italia potrebbero essere nel mirino di attacchi informatici. Punterebbero a mettere in ginocchio le infrastrutture critiche come energia e sanità, già provata dalla pandemia. E’ la previsione degli esperti di sicurezza informatica, mentre già si stanno diffondendo nuovi virus legati a questo conflitto come HermeticWiper e Cyclops Blink, su cui ha lanciato un allarme anche l’Agenzia italiana per la cybersicurezza che ha invitato ad alzare le misure di difesa cibernetica e a non usare le piattaforme Discord e Trello dove sono state condotte «attività malevole» contro organizzazioni governative ucraine. 
 «Possiamo aspettarci una escalation di attacchi informatici di pari passo a quella militare. Per ora la guerra cyber è tra Russia e Ucraina, ma in caso di intervento della Nato gli attacchi potrebbero estendersi anche ad altri paesi tra cui l'Italia. L’obiettivo è mettere ko le infrastrutture critiche come energia, banche, sanità, aziende delle telecomunicazioni - spiega all’ANSA Claudio Telmon, membro del comitato direttivo del Clusit, l’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica -.

Pubblicità

Nel caso dell’Italia, mentre le telco hanno una gestione della sicurezza informatica più matura, la tenuta della sanità si è vista, è stata già stata messa ko solo da 'normalì ransomware». E nel timore di una rappresaglia virtuale le banche italiane da una decina di giorni hanno alzato l’attenzione sul tema, come spiegano diverse fonti di settore. Da quando è scoppiato questo conflitto sono due i virus che stanno circolando: HermeticWiper e Cyclops Blink. Il primo mira a cancellare i dati e a rendere inutilizzabili le infrastrutture; il secondo consente di accedere alle reti da remoto creando una botnet, cioè una rete di dispositivi, a disposizione dell’attaccante. La differenza rispetto ai tradizionali attacchi informatici come quelli ransomware è che non sono sferrati a scopo di lucro ma, osserva Telmon, sono mirati e hanno come obiettivo quello di mettere in difficoltà una rete e l’interruzione di servizi. «Gli Stati coinvolti nel conflitto hanno una serie di strumenti che non stanno ancora utilizzando - spiega l’esperto di sicurezza - e in una ulteriore escalation non potranno praticare attacchi che richiedono mesi o settimane, ma azioni efficaci in tempi brevi. Questo genere di attacchi andrebbe a colpire le strutture critiche in maniera mirata». 

«Attacchi distruttivi hanno preso di mira l’Ucraina negli ultimi cinque anni in modo costante e non c'è motivo di credere che cesseranno - rileva la società di sicurezza Kaspersky - Anche le aziende al di fuori dell’Ucraina dovrebbero rimanere vigili e prendere tutte le precauzioni contro gli attacchi mirati e gli attacchi alla supply chain», cioè ai fornitori. Intanto, anche il collettivo Anonymous è ufficialmente entrato «in cyber guerra con il governo russo": lo ha scritto lo stesso movimento sul suo account Twitter, annunciando di avere hackerato siti governativi e quello dell’emittente Rt News. Mentre Facebook e Twitter hanno lanciato una funzione che consente agli utenti dell’Ucraina di bloccare i propri profili sui social media per motivi di sicurezza.
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA