Notizie locali
Pubblicità

Italpress news

Auto a idrogeno, primo test drive al Centro Enea di Casaccia

Di Redazione

ROMA (ITALPRESS) - Primo test drive di una vettura ad idrogeno presso il Centro Ricerche Casaccia (Roma), attivitá che conclude il percorso formativo dei 50 partecipanti alla H2 Summer School organizzata dal Dipartimento ENEA di Tecnologie Energetiche e Fonti Rinnovabili, in collaborazione con Sapienza Universitá di Roma e Associazione Italiana di Ingegneria Chimica. Il test drive é stato effettuato dai partecipanti della Summer School su una Toyota "Mirai" ("futuro" in giapponese), la prima berlina a celle a combustibile alimentata a idrogeno che emette solo gocce d'acqua e dotata di un'autonomia di 650 chilometri con un tempo di rifornimento inferiore ai 5 minuti. "L'ENEA, con le sue infrastrutture e professionalitá, é attiva da anni nella ricerca su idrogeno e celle a combustibile, con l'obiettivo di contribuire allo sviluppo di una mobilitá a zero emissioni - dichiara Giulia Monteleone, responsabile della divisione ENEA Produzione, Storage e Utilizzo dell'energia -. Tuttavia per accelerare la penetrazione dell'idrogeno in questo settore la maturitá tecnologica da sola non é sufficiente: é necessario intervenire contestualmente anche sugli aspetti normativi, regolatori e incentivanti favorendo la realizzazione di stazioni di rifornimento di idrogeno su tutto il territorio nazionale, cosí come é necessario promuovere la cultura dell'idrogeno favorendone la conoscenza e l'accettabilitá sociale", aggiunge Monteleone. Il Centro Casaccia dell'ENEA é stato scelto per ospitare la "Hydrogen demo Valley", il polo infrastrutturale finanziato con 14 milioni di euro dal ministero della Transizione Ecologica attraverso un accordo di programma dell'iniziativa Mission Innovation, che punta a sviluppare tecnologie, servizi e infrastrutture per dar vita a una filiera nazionale di produzione, trasporto, accumulo e utilizzo di idrogeno. - foto ufficio stampa Enea - (ITALPRESS). fsc/com 23-Set-22 13:52

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: