Notizie locali
Pubblicità

Italpress news

Nel bolognese nuovo Centro per Eccellenza Industriale Philip Morris

Di Redazione

BOLOGNA (ITALPRESS) - La fabbrica del futuro nasce a Bologna ed é targata Philip Morris. Taglio del nastro questa mattina per il nuovo Centro per l'Eccellenza Industriale, il piú grande al mondo di PMI per industrializzazione, innovazione di processo, ingegnerizzazione e sostenibilitá, nello stabilimento di Crespellano nel Bolognese. "La fabbrica del futuro - ha spiegato Marco Hannappel, presidente e amministratore delegato di Philip Morris Italia - é creare un ecosistema virtuoso, e una fabbrica che possa creare altre fabbriche del futuro. Il modello del futuro é sostenibile". Per l'ad del gruppo "non é facile portare nel Paese investimenti di innovazione", ma in Emilia-Romagna c'é "il futuro della meccatronica, dell'industria 4.0", quindi un sistema che ha permesso di investire. Il nuovo Centro, dove lavoreranno "oltre 250 profili alti in ambito ingegneristico, sostenibilitá e processi produttivi del futuro", é parte di un piú ampio piano di investimenti per l'Italia pari a circa 600 milioni di euro in tre anni, con un impatto occupazionale stimato diretto, indiretto e indotto di circa 8000 posti di lavoro lungo la filiera. "A livello globale - ha spiegato Massimo Andolina, senior vice president Operations di Philip Morris International - Philip Morris ha una visione ambiziosa: sostituire le sigarette con prodotti innovativi senza combustione". L'obiettivo é avere "entro il 2025 almeno 40 mln di fumatori ed ex fumatori che siano passati ai nostri prodotti senza combustione. Le nostre cifre ci dicono che a fine settembre siamo a 20 milioni e molti di 20 mln sono in Italia. Vediamo un futuro entusiasmante". Per Andolina, inoltre, "la centralitá di questo polo produttivo oggi si rafforza ulteriormente" e quello di Bologna é "un sito faro per le metodologie moderne, che tutti vengono a visitare per venire ad apprendere". L'inaugurazione del nuovo Centro é stata occasione anche per una riflessione sul lavoro e sul sistema che si crea con le istituzioni. "Il lavoro é sempre buono e qualche volta no. Qualcuno muore. Il lavoro deve essere buono altrimenti é il contrario del senso dell'uomo. Qualche volta la convenienza prevale sull'uomo.Il lavoro buono tira su anche quello piú fragile", ha detto l'arcivescovo di Bologna, il cardinale Matteo Zuppi, intervenendo a Crespellano. Per Zuppi "la capacitá di innovazione non dimentica la fragilitá". L'Arcivescovo si é soffermato anche su "multi e nazionale" che "qualche volta creano un problema al locale". Da qui l'invito all'"attenzione a un equilibrio tra multi e nazionale e se c'é un bell'equilibrio c'é futuro. La vera capacitá é coniugare assieme le due cose". "Stiamo vivendo un momento particolare in cui il futuro si decide oggi e abbiamo ancora piú voglia di costruirlo", ha concluso Zuppi. "L'Emilia-Romagna - ha sottolineato invece il sindaco della Cittá metropolitana di Bologna Matteo Lepore - mi ha insegnato che il modello di crescita che siamo riusciti a trasferire di generazione in generazione é stato quello di investire sulle competenze e sulla formazione". "Bologna - ha aggiunto - é diventato un territorio metropolitano molto attrattivo e in questa ripartenza i segnali sono molto positivi. Il nostro compito é dire che Bologna vuole scegliere il futuro, continuare ad essere attrattiva". Gli investimenti di Philip Morris sulla ricerca e sull'innovazione vogliono dire "creazione di competenze" ed é questa per il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, "la vera sfida per un territorio che vuole competere con i territori piú avanzati dell'Europa e del mondo". "Siamo diventati - ha osservato - una Regione molto attrattiva per investimenti dall'estero e questo ne é un caso". "Siamo un grande hub di innovazione per il Paese", ha rivendicato l'assessore regionale al Lavoro, Vincenzo Colla, dove "ci sono culture di competenze incredibili, qualitá di fare impresa, parti sociali che sanno fare mediazione". Per il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che ha inviato un videomessaggio, il piano degli investimenti di Philip Morris International in Italia e il nuovo Centro per l'eccellenza industriale, sono "un ulteriore segnale di rinnovata fiducia nel sistema Italia". "Quello che ha fatto Philip Morris a Bologna - ha sottolineato il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, intervenendo in videocollegamento - é qualcosa di importantissimo. Una delle ragioni fondamentali é nell'ecosistema. Il punto di partenza per l'attrazione degli investimenti é l'esistenza di un network, la capacitá di un territorio di fare sistema. E l'elemento della formazione é diventato sempre piú importante". Per Marcello Minenna, direttore generale Agenzie delle Dogane e dei Monopoli, quello inaugurato oggi "sicuramente é un progetto molto importante per la Regione e il Paese, di innovazione dove si tenta di effettuare uno sforzo sinergico anche in relazione al rilancio della nostra economia". "Philip Morris - ha evidenziato Gian Marco Centinaio, sottosegretario al Ministero delle politiche agricole - sta facendo un grandissimo lavoro ed é l'unica multinazionale che ha fatto un contratto di filiera a tre anni con gli agricoltori italiani. Da parte nostra, quando ci sono investimenti di questo tipo che permettono agli imprenditori agricoli di poter fare programmazione ben venga. Poi questo complesso di innovazione tecnologica fa vedere che la filiera é una filiera importante e va nella direzione di un'agricoltura sempre piú all'avanguardia e legata alle nuove tecnologie". "Il nostro obiettivo é quello di valorizzare il modello italiano e l'impostazione di filiera, che ha garantito sino ad oggi uno sviluppo sostenibile a livello industriale ed agricolo", ha affermato Vincenzo Freni, sottosegretario ministero dell'Economia e delle finanze, intervenuto all'iniziativa di Philip Morris in video collegamento. "Noi oggi parliamo della fabbrica del futuro. Siamo stati coloro che hanno preceduto qualsiasi discorso di filiera in agricoltura, investendo su un modello diverso fra quello che doveva essere il rapporto tra industria di trasformazione e filiera agricola", ha sottolineato Ettore Prandini, presidente Coldiretti. In platea, tra gli altri, anche l'europarlamentare Elisabetta Gualmini. "Philip Morris - ha detto parlando con i giornalisti a margine - é una multinazionale che ci ha abituato a tante innovazioni e oggi un ulteriore tassello". (ITALPRESS). cin/mgg/red 26-Ott-21 16:49

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: