Notizie Locali


SEZIONI
Catania 21°

l'annuncio del ministro

Almaviva, Urso: «Nel prossimo Cdm soluzione per i lavoratori per tutto il 2023». La Regione: «Impegno concreto del Mimit»

Secondo i sindacati a rischio 500 lavoratori impegnati nei siti produttivi di Palermo, Catania, Rende, Napoli e Milano

Di Redazione |

«Nel prossimo provvedimento in consiglio dei ministri abbiamo trovato una soluzione che consentirà ai lavoratori di Almaviva di essere ancora in attività sino a tutto questo anno 2023». Lo ha dichiarato il ministro delle Imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, a margine della Conferenza “Il Soft Power dell’Italia”. L’intervento seguirà la sospensione del numero 1500 istituito dal ministero della Salute durante l’emergenza Covid. Secondo i sindacati, sarebbero a rischio 500 lavoratori impegnati nei siti produttivi di Palermo, Catania, Rende, Napoli e Milano.

La soddisfazione del governo regionale

«Il governo nazionale, attraverso il ministero delle Imprese e del made in Italy guidato dal ministro Urso, ha mantenuto l’impegno preso al recente tavolo romano a salvaguardia dei posti di lavori Almaviva per i restanti mesi dell’anno. Un segnale chiaro di attenzione e interesse verso il futuro di questi lavoratori e verso le vertenze occupazionali aperte nell’isola che il governo regionale non può che apprezzare a garanzia e tutela dei lavoratori». Lo ha detto il presidente della Regione, Renato Schifani.

«Esprimo soddisfazione nei riguardi del ministro Urso e delle rassicurazioni che ha dato ai lavoratori, ad oggi in cassa integrazione – sottolinea l’assessore regionale alle Attività produttive Edy Tamajo – la disponibilità del ministro del Mimit, rispetto alle problematiche siciliane, è indispensabile per la nostra Isola e per tutto il comparto produttivo. È fondamentale creare sinergie tra le amministrazioni e il tessuto sociale per il bene comune».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA