Notizie locali
Pubblicità

Lavoro

Tredici assunzioni triennali al Comune di Catania. Pogliese: «Presto bando per assistenti sociali»

Si tratta di tredici unità lavorative di Categoria D1; undici da immettere subito in servizio e altri due da ripescare nelle graduatorie nazionali, con oneri finanziari interamente a carico dei fondi comunitari del Programma Operativo Complementare

Di Redazione

Nuovo personale per il Comune di Catania, trent'anni dopo le ultime assunzioni, grazie al piano di assunzioni temporanee varato dal governo nazionale per sostenere gli enti locali del Sud Italia e per sostenere la spesa dei fondi comunitari. Il sindaco Salvo Pogliese e gli assessori Michele Cristaldi, Sergio Parisi con il presidente del consiglio comunale Giuseppe Castiglione, a palazzo degli elefanti, oggi hanno dato il loro benvenuto, ai destinatari dei contratti di assunzioni temporanee, per tre anni, di tredici unità lavorative di Categoria D1; undici da immettere subito in servizio e altri due da ripescare nelle graduatorie nazionali, con oneri finanziari interamente a carico dei fondi comunitari del Programma Operativo Complementare. 

Pubblicità

 

 

“Una boccata d'ossigeno per il Comune – ha detto il sindaco Salvo Pogliese - che negli anni ha visto diminuire notevolmente il personale in servizio, senza possibilità di un ricambio per il blocco delle assunzioni. Su di voi – ha aggiunto il primo cittadino rivolgendosi ai neo assunti, tutti di giovane età e per oltre la metà donne - riponiamo grandi speranze di programmare una nuova organizzazione che tra le prime emergenze ha anche quella di potere contare su nuove risorse di personale qualificato. Ovviamente questa voluta dal Governo non è l’unica soluzione. Ci stiamo muovendo per spendere le risorse per i cicli di programmazione 2014-2020 e 2021-2027; ma era necessario partire, dopo trent'anni di mancato turn over del personale, ormai ridotto ai minimi termini, nonostante i servizi attribuiti ai Comuni siano aumentati. Di questi problemi abbiamo investito il governo nazionale –ha concluso Pogliese- insieme agli altri sindaci siciliani che come noi, hanno le finanze azzerate da debiti pregressi e necessità di nuovo personale qualificato.  Ci attendiamo risposte concrete, mezzi finanziari e risorse umane, perché quella che attraversiamo è una fase cruciale del nostro paese e i Comuni devono tornare ad avere un ruolo da protagonista”.

Per queste finalità il sindaco Pogliese, insieme agli assessori Cristaldi e Parisi, delegati rispettivamente al personale e alle politiche comunitarie ha annunciato importanti novità: ”La Direzione comunale delle politiche comunitarie –ha detto il sindaco - è riuscita è intercettare le risorse Ue necessarie ad assumere, a tempo, circa settanta unità di personale specializzato nella programmazione dei fondi comunitari. Che in pratica significa infrastrutture, opere pubbliche e nuovi servizi per i cittadini, senza gravare sul bilancio comunale e una possibilità in più per i nostri giovani laureati di trovare lavoro in Sicilia”. 

ll sindaco ha infine annunciato che “a breve verrà bandito un concorso per assumere 45 assistenti sociali, mentre i trenta vigili urbani assunti lo scorso anno con il finanziamento ministeriale, continueranno nell'attività lavorativa. Scorrendo la graduatoria esistente, stilata con un rapidissimo concorso trasparente e meritocratico, per soli titoli, per la prima volta nel Comune di Catania, altri sedici verranno reclutati, coi fondi nazionali del Ministero dell'Interno". Alla stipula dei contratti di assunzione triennale dei neo dipendenti, hanno partecipato anche il capo di gabinetto del sindaco Giuseppe Ferraro, il responsabile della Direzione Comunale Politiche comunitarie, Fabio Finocchiaro, quello al personale Pietro Belfiore e i coordinatori dei gruppi di lavoro delle risorse umane per la selezione del personale Teresa Roscica e del trattamento economico Cettina Privitera.  

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: