Notizie locali
Pubblicità

Messina

Carenze ospedale di Lipari sempre più critiche: "Attenti fatevi male soltanto quando ci sono i medici in turno"

Sembra essere quello un invito rivolto indirettamente agli isolani che da tempo ormai devono fare i conti con le numerose problematiche della struttura ospedaliera. Il sindaco Marco Giorgianni attende notizie dal sottosegretario alla Salute

Di Giuseppe Bonaccorsi

Sull’ospedale di Lipari c’è la consegna del silenzio. Non ne parla la Regione, alle prese con la nuova ondata pandemica che sembra non avere freni. Non ne parla l’Asp e non sembra tra le priorità immediate neanche del sottosegretario Andrea Costa che un mese fa era venuto a Lipari per esaminare la situazione. Nei fatti l'annosa vicenda dell'ospedale di Lipari dove la carenza di medici e personale sta mettendo a rischio l'assistenza sanitaria - che viene garantita spesso soltanto dall'elisoccorso e che costa dai 7 ai 10mila euro - è rimasta finora "lettera morta".

Pubblicità

L'ultima novità in un silenzio assordante arriva dal sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, che visto il perdurare dello status quo ha interpellato il sottosegretario alla Salute che oltre un mese fa in una sua visita a Lipari aveva garantito il suo interessamento per accelerare l'iter in Parlamento della legge sulle isole minori. Il rappresentante del governo Draghi aveva garantito nel corso di un incontro col consiglio comunale dell’isola anche il suo intervento sulla Regione per aprire un tavolo tecnico sulla carenza di medici per l'ospedale liparota. Il sindaco Giorgianni nel’ultimo colloquio telefonico avrebbe sollecitato il sottosegretario a dare notizie certe e sollecitato un nuovo colloquio telefonico che dovrebbe tenersi questo venerdì.

Il sindaco raggiunto per telefono ha confermato che attende proprio tra due giorni una telefonata del sottosegretario e ha ammesso che, purtroppo, sino ad oggi non ci sono novità importanti per l'ospedale.

Ad inizio mese, il 5 gennaio, era tornato a farsi sentite il comitato in difesa dell'ospedale che ha inviato una nuova lettera al sottosegretario Costa. «Le inviamo la presente - si legge nella nota trasmessa da noi già riportata - per raffigurarle la drammatica situazione che sta vivendo in questi giorni il territorio Eoliano, non solo per la pandemia da Covid che in queste ore sta imperversando sulle isole, ma anche per tutte quelle ragioni di cui l'abbiamo già informata durante il suo soggiorno a Lipari. Solo nelle prime ore di questo 2022 ci sono stati ben dieci accessi di elisoccorso per un costo medio di ogni singolo volo tra i 7.000 e i 10.000 euro, dato che ormai nel nostro ospedale si possono trattare solo le emergenze e le cronicità, rinviando tutto il resto alla terraferma. Facciamo fede ed appello all’impegno da Lei preso in occasione della sua recente visita e riguardante la sensibilizzazione e la convocazione dei referenti della regione siciliana, finalizzata alla ricerca di soluzioni e provvedimenti adeguati all urgenza verificatasi e rimaniamo in attesa di aggiornamenti in merito..».

«Quanto potremo resistere e a quali gravi rischi stiamo andando incontro? Serve una soluzione tampone in attesa della legge, perciò la preghiamo, ci aiuti.».

Nell'ospedale di Lipari, tra le innumerevoli carenze due spiccano all'attenzone: quella di un cardiologo h24, la cui presenza è garantita solo ambulatorialmente e solo al mattino, e quella di un ortopedico che sarebbe presente nel presidio isolano soltanto una volta a settimana. Un invito indiretto ai cittadini: «State attenti, fatevi del male solo quando ci sono cardiologo ed ortopedico...».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA