Notizie locali
Pubblicità

Messina

Eolie sul piede di guerra: dal 10 maggio il prezzo del biglietto dell'aliscafo aumenta del 50% (+35% per i residenti)

Il vice sindaco di Lipari Gaetano Orto: «Rincaro Inaccettabile». Albergatori: «Dano enorme per la nostra economia»

Di Redazione

Nelle Eolie esplode la protesta per il caro aliscafi deciso a livello ministeriale. Il costo del biglietto dal 10 maggio aumenterà del 35% per gli isolani e del 50% per i turisti.

Pubblicità

Il vice sindaco di Lipari Gaetano Orto è su tutte le furie: «Inaccettabile l’aumento delle tariffe delle corse degli aliscafi. Penalizzati i cittadini da una scelta irragionevole: pronto a tutto per ottenere il congelamento dei prezzi dei biglietti. Si mobiliti anche la deputazione regionale e nazionale. La decisione del governo nazionale, è grave. Colpisce tutti i Comuni delle isole minori e le rispettive popolazioni, creando paradossalmente delle tariffe diverse tra gli aliscafi sostenuti dalla Regione siciliana, che non subiranno alcun aumento, e quelli finanziati dalla Stato», dice. 

«Siamo pronti a tutto - conclude - e non arretreremo di un solo centimetro su delle scelte che devono essere preventivamente discusse con i governi locali». «Apprendo con stupore di questo aumento - dice Emanuele Carnevale, ingegnere-albergatore - tutto è inaccettabile e genera un danno enorme per la fragile economia delle isole, già duramente provata dall’innalzamento di tutti i costi dovuti alla crisi economica e all’emergenza Covid». gli aumenti tariffari sui collegamenti marittimi statali con le isole minori della Sicilia. "Da mesi - sottolinea Christian Del Bono, presidente Federalberghi Isole Minori - coi sindaci delle isole minori e ad altre associazioni, evidenziamo - sia nei confronti del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili quanto dell’Assessorato regionale - le forti perplessità sulle risorse messe a disposizione dallo Stato per garantire i servizi essenziali SNS. I tagli ai servizi essenziali statali ed il conseguente aumento tariffario rappresentano una profonda ingiustizia sociale oltre ad essere del tutto anacronistici rispetto a quanto da anni previsto dai trattati comunitari e vista la recente approvazione al Senato del disegno di legge di modifica dell’articolo 119 della Costituzione, concernente il riconoscimento del grave e permanente svantaggio naturale derivante dall’insularità». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: