Notizie locali
Pubblicità

Messina

Mafia a Messina, 27 condanne per componenti dei clan De Luca, Lo Duca e Sparacio

l processo nato dall’operazione denominata Provinciale contro le cosche che si spartiscono la zona centro sud della città

Di Redazione

Il giudice per l’udienza preliminare di Messina ha condannato 27 persone con rito abbreviato nell’ambito del processo nato dall’operazione denominata Provinciale che colpì i componenti dei clan De Luca, Lo Duca e Sparacio che si spartiscono la zona centro sud della città. I condannati erano accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, scambio elettorale politico-mafioso, lesioni aggravate, detenzione e porto illegale di armi, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Pubblicità

Condannati a 20 anni i boss Salvatore Sparacio, Giovanni De Luca, Giovanni Lo Duca, Vincenzo Gangemi; 16 anni ad Emmanuele Balsamo e Ugo Ciampi, 15 anni per Francesco Puleo e Domenico Romano, 13 anni per Giovanni Tortorella, 12 anni per Tyron De Francesco e Giuseppe Marr,a 11 anni per Mario Alibrandi, Antonio Scavuzzo e Giuseppe Surace,10 anni e 8 mesi ad Anna Lo Duca, 9 anni a Kevin Schepis, 8 anni per Emanuele Laganà, Domenico Mazzitello, Mario Orlando, Ernesto Paone, Maria Puleo, 4 anni a Francesco Sollima, 2 anni e 2 mesi per Antonino Soffli, Letterio Cuscinà e Carlo Cafarella, 2 anni e 4 mesi per Antonina Cariol,o 8 mesi per Graziella La Maestra e Rossella De Luca (pena sospesa). Il blitz con gli arresti di carabinieri, polizia e guardia di Finanza scattò ad aprile scorso. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA