Notizie locali
Pubblicità

Mondo

"Risorse finite, ci prepariamo all'ultima battaglia". Ma è un falso

Il vicesindaco di Mariupol: "Il disperato appello della brigata marina opera di un hacker"

Di Redazione

Il disperato appello diffuso nelle scorse ore su una pagina Facebook attribuita alla 36/ma brigata marina separata, secondo cui «dopo 47 giorni di difesa di Mariupol, le risorse della brigata si sono esaurite», è un fake. Lo ha affermato il sindaco Serhiy Orlov, citato dalla Bbc. Secondo l’ex soldato ed esperto militare Andriy Shor, la pagina sarebbe stata hackerata. L’autenticità del messaggio era apparsa dubbia anche perché scritto in russo.

Pubblicità

 In rete, sarebbero iniziati «a circolare messaggi che questa pubblicazione era il risultato di un hacker», ma «la volontaria della prima compagnia d’assalto del DUK PS Alina Mikhailova scrive che la circostanza è vera».

L'appello al popolo ucraino è apparso sulla pagina Facebook della 36a Brigata Marina Separata intitolata al contrammiraglio Mikhail Bilinsky, che sta combattendo a Mariupol» e in questo appello «si dice che dopo 47 giorni di difesa di Mariupol, le risorse della brigata si sono esaurite». A riferire la circostanza è 'Strana.Ua.' ripresa da Ria Novosti. 


 «Abbiamo tenuto adeguatamente la difesa facendo l'impossibile. Ma tutte le risorse tendono a esaurirsi», dice il messaggio in cui si aggiunge che «per più di un mese, i marines hanno combattuto senza rifornimento di munizioni, senza cibo, senza acqua». La fanteria, dice ancora il messaggio, «è morta» e ora «artiglieri, cannonieri antiaerei, segnalatori, autisti e cuochi stanno combattendo». «Oggi probabilmente ci sarà una battaglia estrema» e un «ulteriore combattimento corpo a corpo», un’ulteriore «morte per alcuni e prigionia per altri». 
 «Caro popolo ucraino - si scrive ancora nell’appello dei marines alla cittadinanza - non so cosa accadrà dopo, ma Ti prego, ricorda i marines con una parola gentile e non importa come gli eventi si svilupperanno ulteriormente, non parlare male dei marines», dice il messaggio. 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA