Notizie locali
Pubblicità

Mondo

A 11 anni arriva da solo al confine slovacco

Il ragazzino aveva con sè il suo passaporto e un numero di telefono

Di Redazione

Uno zainetto rosso sulle spalle, cappellino nerazzurro in testa e sul dorso della mano un numero di telefono. Quando è arrivato al confine ha mostrato la busta di plastica che aveva con sé e al cui interno c'era il suo passaporto. E’ la storia di un ragazzino di 11 anni riuscito ad arrivare da Zaporizhzhia, dove qualche giorno fa era stata attaccata la centrale nucleare, fino alla Slovacchia. 

Pubblicità

Imbacuccato nel giacchetto blu e la sciarpa lilla, il bambino ha lasciato i genitori ed è arrivato da solo al confine. A raccontare l’episodio è lo stesso ministero dell’Interno slovacco sul proprio profilo Facebook. «I volontari - si legge - si sono volentieri presi cura di lui, lo hanno portato al caldo e gli hanno fornito cibo e bevande». Ha conquistato tutti con il suo sorriso «senza paura e con la determinazione degni di un vero eroe». Dopo averlo accolto, i volontari hanno composto il numero di telefono mettendolo in contatto con i «suoi cari che sono venuti a prenderlo», nel più classico dei lieto fine. 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: