Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Croce Rossa nega aiuto evacuazione forzata civili in Russia

'Non sosterremmo mai un'operazione contro volontà delle persone'

Di Redazione

GINEVRA, 27 MAR - Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha negato di aver facilitato l'evacuazione forzata di civili ucraini in Russia. "Il CICR non aiuta mai a organizzare o effettuare evacuazioni forzate. Questo vale ovunque operiamo. Non sosterremmo mai un'operazione che va contro la volontà delle persone o contro i nostri principi", ha affermato il CICR in un comunicato pubblicato ieri sera. Ieri l'analista politico ucraino Roman Rukomeda aveva denunciato "lo strano comportamento del Comitato della Croce Rossa e del suo presidente, che hanno annunciato la decisione di aprire un ufficio a Rostov sul Don per aiutare i terroristi russi a deportare illegalmente cittadini ucraini". Una decisione che ha sorpreso anche la ministra ucraina per la Reintegrazione dei territori occupati, Iryna Vereshchuk. Il CICR ha sottolineato che queste false informazioni "potrebbero avere un forte impatto sulle persone colpite dal conflitto in Ucraina. Queste false informazione mettono anche in pericolo le squadre della Croce Rossa e i volontari sul campo e potrebbero minacciare il nostro accesso alle persone che hanno bisogno di aiuto urgente".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA