Notizie locali
Pubblicità

Mondo

E' stallo tra Biden e Putin. Per Blinken "minaccia è imminente"

I due presidenti, nel colloquio di ieri, hanno ribadito le rispettive posizioni. Intanto molti Paesi, compresa l'Italia, hanno invitato i propri cittadini a lasciare l'Ucraina

Di Redazione

Il segretario di Stato Usa Blinken è tornato sulla decisione di evacuare l’ambasciata americana a Kiev, seguita poi da altri Paesi occidentali. Il rischio di un intervento militare e «la minaccia sono imminenti», ha detto definendo l’operazione «la cosa più prudente da fare». 

Pubblicità

Ieri dall'atteso colloquio tra i presidenti di Usa e Russia, Joe Biden e Vladimir Putin, non è arrivata alcuna svolta sulla delicata situazione. Anzi. In una telefonata durata poco più di un’ora, i due leader hanno sostanzialmente ribadito le proprie posizioni. Mentre sul terreno anche l’Italia ha richiamato i suoi connazionali. I resoconti ufficiali dello scambio tra gli attori principali della crisi - anticipato su richiesta americana - restituiscono uno stallo che le cancellerie non sembrano in grado di superare. L'inquilino della Casa Bianca «è stato chiaro», avvertendo che in caso di attacco l’Occidente risponderà in modo «deciso» e imporrà «costi severi», fanno sapere gli Usa, sottolineando che "restano impegnati alla diplomazia ma sono pronti, con gli alleati e i partner, anche ad altri scenari». E se il Cremlino conferma che i leader si sono detti d’accordo nel proseguire il dialogo, prendendo in considerazione le proposte di Biden ma definendole già insufficienti, Mosca non risparmia una stoccata, parlando di «isteria americana al suo apogeo». 

Poco promettenti erano del resto le premesse, dopo la telefonata preparatoria tra i responsabili delle rispettive diplomazie. Se Antony Blinken ha parlato di «segnali molto preoccupanti di un’escalation della Russia, come l’arrivo di nuove truppe al confine con l’Ucraina», Serghei Lavrov è tornato ad accusare l’Occidente di aver «ignorato» le richieste di Mosca sulla sicurezza. Niente di nuovo insomma sul fronte orientale. Eppure Lavrov, riferisce la Cnn, anche dopo il circostanziato allarme Usa ha «negato che la Russia abbia intenzione di invadere l’Ucraina». 

D’altro canto, anche l’ennesimo, lungo colloquio telefonico di Putin con il presidente francese Emmanuel Macron, appena prima di quello con Biden, ha riproposto le polemiche seguite al faccia a faccia (a 4 metri di distanza) al Cremlino. Un «dialogo sincero» non è compatibile «con un’escalation», ha avvertito il leader dell’Eliseo, ribadendo la «determinazione» occidentale ma ricevendo per tutta risposta l’accusa di aver lanciato "speculazioni provocatorie". Macron, presidente di turno dell’Ue, non abbandona però il suo impegno nella partita e per fare il punto si è sentito in queste ore con Biden, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il premier ucraino Volodymyr Zelensky. 

Ma con il passare delle ore, le prospettive di un conflitto si fanno sempre più forti, come fa trapelare il Dipartimento di Stato Usa. Anche l’Italia si è aggiunta - con Germania, Olanda, Spagna, Svezia e Danimarca - alla lista dei Paesi occidentali che hanno invitato i propri concittadini a lasciare l’Ucraina, circa duemila residenti. «Lavoriamo tutti al fine di evitare un’escalation», ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, aggiungendo che «ovviamente lavoriamo a mantenere aperto un canale di dialogo con Mosca». Roma ha anche deciso il rientro, d’intesa con le ambasciate Ue nel Paese, del personale non essenziale della propria ambasciata a Kiev. A stretto giro è arrivato anche l’annuncio di Mosca, che a sua volta ha deciso di ridurre il personale diplomatico in Ucraina per il rischio di "possibili provocazioni». I timori per la popolazione civile sono testimoniati anche dalla decisione della Klm, la compagnia di bandiera olandese, di cancellare a partire da sabato sera tutti i voli diretti in Ucraina. 

Sul terreno, i segnali d’allarme si leggono anche nella scelta americana di ritirare quasi tutti i suoi militari presenti in Ucraina per addestrare le forze locali, poche ore dopo aver annunciato un rafforzamento del fronte polacco con l'invio di altre tremila truppe. E le tensioni militari si riflettono pure a migliaia di chilometri dall’Ucraina. Un sottomarino classe Virginia della Marina Usa è stato intercettato e allontanato dal cacciatorpediniere Maresciallo Chapochnikov nelle acque territoriali russe nel Pacifico, ha rivendicato la Difesa di Mosca, che ha convocato l’attaché militare di Washington. Ma il Pentagono non ha confermato l'accaduto.  Kiev, in tutto questo, continua a invitare i cittadini a "restare calmi, uniti all’interno del Paese, evitare azioni destabilizzanti e che creino il panico», mentre il presidente Volodymyr Zelensky ha insistito sul fatto che gli avvertimenti occidentali «causano il panico». Un clima testimoniato anche dalle reciproche accuse di provocazioni - i separatisti del Donetsk hanno riferito di un’esplosione a un km dalla linea di contatto, suggerendo che potrebbe essersi trattato di un video di propaganda ucraina - e dai falsi allarmi bomba in scuole o supermercati, moltiplicatisi in una guerra di nervi che minaccia sempre più di precedere quella con le armi.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: