Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Gb: è scontro tra governo e sindacati per storico sciopero treni

Il maggiore in 30 anni. Tre giorni stop, Regno rischia paralisi

Di Redazione

LONDRA, 20 GIU - E' scontro tra il governo conservatore britannico e i sindacati per uno storico sciopero dei treni, il maggiore indetto negli ultimi 30 anni, che rischia di paralizzare il Paese questa settimana. Secondo i media del Regno Unito si sta tentando un accordo in extremis fra le union, in particolare il Rail Maritime and Transport Workers (Rmt), i vertici delle compagnie ferroviarie e il Network Rail (gestore pubblico della rete) alla vigilia del primo di tre giorni di stop (domani, giovedì e sabato) nel quadro di una vertenza riguardante soprattutto la richiesta di un aumento degli stipendi sempre più erosi dall'inflazione record. Per domani inoltre è previsto anche uno sciopero della metropolitana di Londra: si preannuncia un vero e proprio incubo per chi dovrà raggiungere la capitale. Nonostante qualche tentativo di mediazione la posizione dell'esecutivo Tory resta rigida nel braccio di ferro coi sindacati, col viceministro del Tesoro, Simon Clarke, che invita i lavoratori a fare sacrifici in questo momento di difficoltà per tutto il Paese. Mentre il titolare dei trasporti Grant Shapps ha parlato di sciopero disastroso per il settore. E' molto probabilmente l'inizio di una settimana di grandi disagi per chi si sposta soprattutto in treno, con le prevedibili proteste dei passeggeri, che il premier Boris Johnson e i Tories potrebbero cavalcare. Mentre l'opposizione laburista guidata da Keir Starmer accusa il governo di gettare benzina sul fuoco ma non sostiene la protesta.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: