Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Ucraina, riprendono i corridoi umanitari ma risuonano le sirene a Kiev. Gli Usa dicono no ai Mig dalla Polonia. Fitch: «Default imminente per la Russia»

Di Redazione

Proprio nel giorno in cui riprenderanno i corridoi umanitari, stanotte nuove sirene antiaereo hanno gettato di nuovo nel panico i residenti di Kiev. La tensione resta altissima in Ucraina, con il presidente Volodymyr Zelensky che ieri ha anche annunciato di essere disponibile a trattare sui territori contesi, ma non alla resa. 

Pubblicità

A tenere banco, tuttavia, è anche il caso dei Mig-29 che la Polonia vorrebbe offrire agli Stati Uniti per poi girarli all’Ucraina. Un’iniziativa che, ha fatto sapere in nottata il Pentagono, non è «attuabile». La prospettiva di jet che partono da una base statunitense in Germania «per volare nello spazio aereo conteso tra Russia e Ucraina solleva serie preoccupazioni per l’intera alleanza Nato», ha spiegato il portavoce John Kirby. «Continueremo a consultarci con la Polonia e gli altri nostri alleati su questa questione e le difficoltà logistiche che pone, ma - ha concluso - non crediamo che la proposta polacca sia sostenibile». 

Procede, intanto, l’avanzata dell’esercito russo in terra ucraina. La Guardia nazionale ha annunciato di aver preso il totale controllo della centrale nucleare di Zaporizhzhia, già conquistata alcuni giorni fa. Secondo quanto riferito da fonti russe, le 240 persone responsabili della sicurezza dell’impianto avrebbero deposto le armi. Notizie che troverebbero conferma anche nelle parole del ministro dell’Energia ucraino, Herman Halushchenko, che ha denunciato episodi di tortura nei confronti del personale da parte delle forze armate russe. «Secondo le informazioni in nostro possesso - ha scritto su Facebook -, gli occupanti hanno costretto la dirigenza a registrare un messaggio per utilizzarlo a fini propagandistici. Il personale è fisicamente e psicologicamente esausto». 

Sul piano diplomatico sembra invece in salita il tentativo da parte degli Stati Uniti di coinvolgere i leader di fatto di Arabia Saudita ed Emirati Arabi per costruire una coalizione internazionale per sostenere Kiev e frenare i prezzi del petrolio. Secondo il Wall Street Journal, infatti, il principe saudita Mohammed bin Salman e lo sceicco degli Emirati Mohammed bin Zayed al Nahyan hanno rifiutato di parlare con Biden nelle ultime settimane, delusi dal debole supporto Usa nella guerra in Yemen e preoccupati dall’accordo sul nucleare iraniano. 

E intanto anche Condè Nast, editrice di numerose riviste di spicco come Vogue, GQ, Architectural Digest e Glamour, ha deciso di sospendere le sue pubblicazioni in Russia dicendosi «scioccata e orripilata dalla tragedia della crisi umanitaria». Il comunicato cita le nuove leggi sulla censura del governo russo, che «rendono impossibile continuare in questo modo». 

Intanto Fitch ha declassato il rating della Federazione Russa da B1 a C1 a causa degli effetti sanzionatori per l’invasione dell’Ucraina, sottolineando in una nota il rischio «di un imminente default» del debito. Ma uno scenario simile non potrà che impattare profondamente anche sulle economie occidentali, travolgendo fondi d’investimento, banche, aziende più esposte: ed è proprio questo il calcolo che ha probabilmente spinto il presidente russo Vladimir Putin a sfidare le sanzioni occidentali. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA