Notizie locali
Pubblicità

Mondo

La Russia avvia la fase due del conflitto: mani sul Donbass e sull'Ucraina sudorientale

Offensiva nelle regioni di Lugansk e Donetsk

Di Redazione

Offensiva russa nell’est dell’Ucraina, con la battaglia per il Donbass, e per prendere il pieno controllo di Donetsk e Lugansk mantenendo un corridoio terrestre con la Crimea occupata, mentre il presidente americano Joe Biden si accinge a sentire nel corso della giornata gli alleati e i partner. 

Pubblicità

 Nelle prime ore della notte missili su Kharkiv e Mykolaiv. E bombe erano cadute anche su Leopoli, Dnipro, Kramatorsk e sui distretti di Synelnykiv e Pavlograd, mentre gli ucraini sostengono di aver respinto sette attacchi a Donetsk e Lugansk. 
 Forze speciali russe cominciano l’assalto alle acciaierie Azovstal a Mariupol all’interno delle quali, secondo le autorità locali, si sarebbero rifugiati anche mille civili tra cui soprattutto donne con figli piccoli e anziani. L’acciaieria è una delle ultime aree sotto il controllo ucraino, un video su Telegram del Battaglione Azov mostra donne e bambini che si rifugiano nel seminterrato. Il sindaco parla inoltre di 40mila deportati in Russia o in regioni ucraine controllate dai russi. I quali a loro volta sostengono che da febbraio quasi 880mila persone - di cui 164 mila bambini - sono arrivate in Russia dall’Ucraina e dalle repubbliche autoproclamate. 
 Il Pentagono afferma intanto che non c'è indicazione che armi occidentali siano state distrutte nell’attacco russo a Leopoli di ieri. In precedenza, la Russia aveva affermato di aver distrutto un magazzino con aiuti militari statunitensi all’ Ucraina nel suo attacco missilistico sulla città. 

 Sul fronte diplomatico, la Casa Bianca ha fatto sapere che oggi pomeriggio (alle 15.45 ora italiana) il presidente americano Joe Biden terrà una videochiamata sulla crisi ucraina con i suoi alleati e partner. E dopo l’invito da Kiev ad andare a vedere con i suoi occhi che non si è di fronte ad una guerra ma ad un genocidio, il presidente francese Emmanuel Macron fa sapere che tornerà nel paese in guerra, ma per apportare qualcosa di utile: «Per dimostrare semplicemente il mio supporto non ho bisogno di recarmi lì», aggiunge. E «se andrò a Kiev, dovrà essere per fare la differenza». 

 E mentre la Borsa di Mosca apre in calo cedendo lo 0,83%, ma il rublo è contrastato, perché sale sul dollaro ma cede sull' euro, scendono ancora i future sul gas contrattati ad Amsterdam: il benchmark europeo del prezzo del metano in avvio di contrattazioni registra un calo del 10%, aggiornando i nuovi minimi dall’inizio della guerra. In calo anche il prezzo del petrolio, i mercati guardano agli sviluppi del lockdown in Cina e degli effetti sull'economia locale. E per garantire il rispetto delle sanzioni e tutelare i propri dipendenti, Stellantis sospende l’attività dello stabilimento russo di Kaluga, il cui stop era stato annunciato dall’ad Carlos Tavares lo scorso 31 marzo al termine dell’incontro con i sindacati italiani.
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: