Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Malala, chiusura scuole giornata devastante per ragazze afghane

Il premio Nobel, talebani non vogliono emancipazione donne

Di Redazione

ROMA, 23 MAR - "Una giornata devastante". Così Malala Yousafzai ha definito la decisione dei talebani di chiudere le scuole secondarie femminili in Afghanistan, contraddicendo quanto stabilito in precedenza e poche ore dopo la loro riapertura. "Continueranno a trovare scuse per impedire alle ragazze di imparare, perché hanno paura delle giovani istruite e delle donne emancipate", ha scritto su Twitter il premio Nobel per la pace. E in un'intervista alla Bbc, l'attivista e pachistana che a 15 anni fu gravemente ferita alla testa dai talebani sostiene che gli estremisti islamici continueranno a trovare scuse per impedire alle ragazze di studiare dopo la scuola elementare. Da quando i talebani hanno preso il potere nell'agosto 2021, solo le scuole primarie femminili - insieme a tutte le scuole maschili - sono rimaste aperte nella maggior parte dell'Afghanistan. Le scuole secondarie femminili avrebbero dovuto aprire oggi, ma i talebani hanno annullato la decisione dicendo che deve ancora essere presa una decisione sulle divise che le ragazze devono indossare.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA