Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Mosca a difensori Mariupol, salvi se vi arrendete entro le 6

Ultimatum russo per le 5 italiane di oggi

Di Redazione

ROMA, 17 APR - Le forze armate russe hanno offerto ai difensori di Mariupol di cessare le ostilità e deporre le armi entro le 6 di questa mattina (domenica) ora di Mosca (le 5 in Italia), garantendo loro, in cambio, la vita. Lo afferma in una dichiarazione il generale Mikhail Mizintsev, capo del Centro di gestione della difesa nazionale della Russia, che comanda l'assedio di Mariupol. "Data la situazione disperata che si è venuta a creare nello stabilimento metallurgico Azovstal, e guidate da principi umanitari, le forze armate russe offrono ai militanti dei battaglioni nazionalisti e ai mercenari stranieri di fermare le ostilità e deporre le armi alle 6 ora di Mosca del 17 aprile. In cambio delle armi sarà loro risparmiata la vita", si legge nella nota riportata dalla Tass. Per attuare questa "operazione umanitaria", Mizintsev propone una tabella di marcia: dalle 5 ora di Mosca "viene stabilita una comunicazione continua tra la parte russa e quella ucraina per lo scambio reciproco di informazioni; dalle 5:30 ora di Mosca viene annunciata la "modalità silenzio completo"; alle 6 ora di Mosca "entrambe le parti alzeranno le bandiere (da parte russa rossa, da parte ucraina bianca), su tutto il perimetro dell'Azovstal". Dalle 6 alle 13 ora di Mosca tutte le unità armate ucraine e dei mercenari stranieri dovranno lasciare l'acciaieria "senza armi e munizioni, senza eccezioni". La "situazione disperata" a cui fa riferimento Mizintsev sarebbe, in particolare, quella - sottolinea alla Tass il ministero della Difesa russo - rivelata delle comunicazioni tra i difensori di Mariupol e il governo di Kiev. I primi avrebbero chiesto alle autorità di Kiev il permesso di arrendersi - dice il capo degli assedianti russi - "ma in risposta sono minacciati di esecuzioni". I russi avrebbero intercettato le comunicazioni radio (367 solo nelle ultime 24 ore) in cui i resistenti lamenterebbero una situazione disperata all'interno dell'acciaieria, dove sarebbero ormai esaurite le riserve di cibo e acqua, secondo le fonti russe.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA