Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Pakistan, Sharif favorito alla poltrona di premier dopo Khan

Ex primo ministro sfiduciato e destituito da Assemblea nazionale

Di Redazione

ISLAMABAD, 10 APR - Il leader della Lega musulmana pakistana (Pml-N) Shehbaz Sharif è destinato a diventare il nuovo uomo forte del paese dopo la caduta del primo ministro Imran Khan, destituito nella notte fra sabato e domenica dall'Assemblea nazionale del Pakistan, il primo capo di governo nella storia del Paese ad essere rovesciato con un voto di sfiducia. La partenza di Khan apre la strada alla formazione di un'improbabile alleanza parlamentare che dovrebbe, da lunedì, nominare Shehbaz Sharif alla guida del Paese che conta 220 milioni di abitanti e che possiede armi nucleari. Il primo compito di Sharif sarà un governo di coalizione con il Partito popolare pakistano (Ppp, a sinistra) e il piccolo partito conservatore Jamiatul Ulema-e-Islam-F (JUI-F). Il Ppp e il Pml-N sono i due partiti dinastici che hanno dominato per decenni la vita politica nazionale. È improbabile che la loro alleanza di convenienza, forgiata per estromettere Khan dal potere, sopravviva però all'avvicinarsi delle prossime elezioni, che si dovrebbero tenere a ottobre 2023. Shehbaz Sharif, 70 anni, è il fratello minore di Nawaz Sharif, che è stato tre volte primo ministro . Ha governato a lungo la provincia del Punjab, la più popolosa del paese. Il Ppp è guidato da Bilawal Bhutto Zardari, figlio dell'ex presidente Asif Ali Zardari e dell'ex premier Benazir Bhutto, assassinata nel 2007.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA