Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Partygate: multata anche la first lady Carrie Johnson

Dibattito su dimissioni premier, Tory ribelli ora lo escludono

Di Redazione

LONDRA, 12 APR - C'è anche il nome della consorte di Boris Johnson, Carrie, fra le persone che Scotland Yard ha deciso di multare nell'ambito delle indagini sul cosiddetto Partygate per i ritrovi organizzati a Downing Street fra il 2020 e il 2021 in violazione delle norme Covid allora in vigore nel Regno Unito. Lo ha confermato una portavoce, rendendo pubblico il coinvolgimento anche della first lady - pur non trattandosi di un'esponente di governo - "nel rispetto della trasparenza". La riesplosione dello scandalo sta intanto accendendo di nuovo il dibattito sulle possibili dimissioni del primo ministro conservatore, invocate a gran voce dalle opposizioni. Dimissioni che alcuni osservatori tendono tuttavia a escludere nel pieno della crisi scatenata dall'invasione russa dell'Ucraina. E che anche uno dei deputati Tory ribelli più ostili a BoJo, Roger Gale, il quale in passato non aveva esitato a chiederle, ha affermato di ritenere al momento fuori questione. "Non possiamo fare un favore a Putin", ha tagliato corto Gale, né rischiare di destabilizzare "il fronte degli alleati Nato" (in seno al quale Johnson si è rilanciato nelle ultime settimane in veste di punto di riferimento della linea dura nel sostegno a Kiev e nella risposta a Mosca); pur non senza sottolineare come il premier abbia il dovere di "ammettere ora di fronte al Parlamento le violazioni" di legge commesse a Downing Street nell'ambito del Partygate, violazioni che nei mesi scorsi aveva ripetutamente detto di non aver colto.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: