Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Russia-Ucraina, i colloqui, con Mosca che "non cede su niente", non fermano le bombe a Kiev

Nella capitale ucraina ancora bombardamenti che hanno colpito un panificio e un liceo

Di Redazione

Si è concluso in Bielorussia nella foresta di Belovezhskaya Pushcha, il terzo giro di colloqui tra le delegazioni russa e ucraina, ma frattanto il conflitto non si ferma.

Pubblicità

 

 

I carri armati sovieti procedono verso Kiev, come denuncia un video trasmesso dalla Cnn e almeno 13 persone sono morte nel bombardamento contro un panificio a ovest di Kiev. «Questa mattina il liceo di Derhachi è stato colpito dal fuoco dell’artiglieria nemica», ha aggiunto Viacheslav Zadorenko, il sindaco della città della regione di Kharkiv. Secondo le prime informazioni, riferite ai media locali, ci sarebbe stato un morto e diversi feriti, tra cui anche bambini. E questa sera le sirene antiaereo sono tornate a 
suonare a Kiev. Lo annuncia la municipalità sul proprio profilo Telegram invitando i cittadini a nascondersi nei rifugi. 

Intanto la protesta contro il conflitto assume forme diverse. Se nelle piazze di molte città russe si moltiplicano le manifestazioni, con migliaia di arresti 'in numero impressionantè come sottolinea il ministro Di Maio che parla di 15mila in carcere, a Dublino un camion si è schiantato contro i cancelli dell’ambasciata russa e un uomo è stato arrestato. La sede diplomatica è stata teatro di proteste nei giorni scorsi. L'italiano Jacopo Tissi, primo ballerino del Bolshoi lascia il teatro di Mosca: «nessuna guerra può essere giustificata» scrive su Instagramm. 

Anche Deloitte annuncia di aver estromesso Russia e Bielorussia dal proprio network internazionale. Una «decisione doverosa ma difficile, che avrà un grande impatto sulle circa 3.000 persone di Deloitte operative in Russia e Bielorussia e che non sono responsabili per le azioni condotte dal loro governo. 
 L’accusa ucraina a Israele: «Mentre il mondo sanziona la Russia per le sue barbare atrocità in Ucraina, alcuni preferiscono fare soldi intrisi di sangue ucraino. La compagnia aerea El Al sta accettando pagamenti usando il sistema bancario russo «Mir» progettato per eludere le sanzioni. Un fatto immorale e un duro colpo alle relazioni ucraino-israeliane», scrive su twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. Gli Usa intanto considerano di fornire sistemi di difesa missilistica agli alleati Nato sullo sfondo delle crescenti preoccupazioni per le minacce russe, riferisce la Cnn citando fonti del Pentagono. La Commissione Ue «è pronta a sostenere gli Stati membri nella progettazione» di misure di regolazione dei prezzi del mercato del gas secondo la bozza della comunicazione sull'energia che sarà presentata domani, di cui l’ANSA ha preso visione. 

La Russia «viola» gli accordi per i corridoi umanitari per l'evacuazione della popolazione civile e continua a bombardare Kiev, Mariupol, Volnovakha, Sumy, Mykolaiv, Kharkiv e altre città, Paesi e villaggi». Ma è continuo lo scambio di accuse. I sei corridoi sono «uno da Kiev a Gomel (Bielorussia), due da Mariupol a Zaporizhzhya (sud-est Ucraina) e Rostov sul Don (Russia meridionale), uno da Kharkiv a Belgorod (Russia occidentale) e due da Sumy a Belgorod e Poltava (Ucraina centrale)». Inoltre i colloqui ripartono con Mosca che «non cede su niente» e Kiev ribadisce: «Non cederemo su Crimea e Donbass». 
 In Ucraina scarseggia il cibo e l’export si ferma. Sono state sospese le esportazioni di «carne, segale, avena, grano saraceno, zucchero, miglio e sale». Allo stesso tempo, le esportazioni di grano, mais, pollame, uova e olio saranno consentite solo con il permesso del ministero dell’Economia. Il governo russo ha approvata una lista di «Paesi ostili», per aver applicato o per essersi uniti a sanzioni contro Mosca nella quale compare anche l’Italia. Nella black-list Usa, Paesi Ue, GB, Giappone, Corea del Sud, Australia, Nuova Zelanda, Svizzera oltre che l’Ucraina. 

Gazprom rimborsa ai propri obbligazionisti 1,3 miliardi di dollari per i bond in scadenza oggi. I pagamenti sono stati effettuati in dollari nonostante il decreto del presidente Vladimir Putin che consentiva di ripagare i bond in valuta estera in rubli, riporta Bloomberg, che ha avuto conferma del rimborso da alcuni obbligazionisti. La decisione di Mosca di pagare in rubli secondo Bloomberg ha l’effetto di far schizzare le probabilità di un default. Intanto cambiano ancora direzione i listini europei con tutti gli indici di Wall Street, Nasdaq compreso, orientati al ribasso. Milano è in discesa dello 0,53%; 
 Francoforte (-1,14%), Parigi perde lo 0,68% mentre Londra (-0,12%) dove British Petroleum guadagna il 4,2% in una seduta positiva per i petroliferi grazie ai rialzi del greggio.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA