Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Severodonetsk, nei rifugi dell'Azot ancora 540-560 civili

'Il sito è sotto continui raid russi'

Di Redazione

ROMA, 14 GIU - Nei rifugi antiaerei dell'impianto chimico Azot di Severodonetsk, sotto costante attacco dei raid russi, "ci sono ancora 540-560 civili". Lo ha sottolineato su Telegram il capo dell'amministrazione militare-civile della città, Oleksandr Stryuk, secondo quanto riporta l'Ukrainska Pravda. Stryuk ha aggiunto che nel sito ci sono continui combattimenti e tentativi di assalto.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA