Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Studenti Hong Kong sfidano Cina, statuette in ricordo Tienanmen

Create in 3D e distribuite nel campus a vigilia anniversario

Di Redazione

ROMA, 03 GIU - Gli studenti di un'università di Hong Kong hanno sfidato le autorità di Pechino nascondendo minuscole statuette che raffigurano una "dea della democrazia" nel campus alla vigilia dell'anniversario del massacro di piazza Tienanmen avvenuto il 4 giugno del 1989. Un gesto di aperta sfida contro la crescente repressione da parte delle autorità sul riconoscimento pubblico del massacro, riferisce la Bbc online. Fino a poco tempo, Hong Kong era uno dei pochi territori cinesi a commemorare l'evento e ogni anno si tenevano veglie pubbliche. Tuttavia, Pechino ha ora effettivamente bandito il raduno annuale della città e chiuso il museo Tienanmen di Hong Kong. Gli attivisti interpretano il gesto come parte di un più ampio progetto della Cina per soffocare il dissenso politico a Hong Kong. Le statuette create dagli studenti dell'Università cinese di Hong Kong (CUHK) sono una copia della statua della 'Dea della Democrazia' che è stata demolita dai funzionari dell'università lo scorso dicembre. La statua rappresentava un appuntamento fisso nel campus da 11 anni ed è stata modellata sul simbolo originale della democrazia sfoggiato dagli studenti a Piazza Tienanmen nel 1989 prima che fossero uccisi dai soldati. Ma la struttura è stata rimossa lo scorso anno insieme ad altri tributi, incluso il memoriale del 'Pilastro della vergogna' presso l'Università di Hong Kong. "Questa è una specie di ribellione. L'università ha 'rubato' la statua ai suoi studenti, quindi abbiamo deciso di farne le nostre versioni e rimetterla a posto", ha detto uno degli organizzatori della protesta. I manifestanti hanno stampato minuscole repliche in 3D della statua e le hanno nascoste nel campus per farle trovare ad altri studenti. In allegato ci sono note che esortano i giovani a "Portarla a casa e non dimenticare il significato che c'è dietro!"

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA