Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Svezia: attentatore Gotland voleva uccidere leader centrista

L'uomo è accusato di terrorismo e di aver ucciso una psichiatra

Di Redazione

STOCCOLMA, 26 AGO - L'attentatore di Gotland, Theodor Engström, voleva uccidere la leader di Centerpartiet, il partito centrista svedese. Lo dichiara la stessa leader del partito, Annie Lööf, che per via delle indagini in corso non può dare ulteriori dettagli. L'uomo è in carcere con l'accusa di terrorismo e di aver ucciso la celebre psichiatra svedese Ing-Marie Wieselgren a Visby, sull'isola di Gotland, lo scorso 7 luglio. L'aggressione è avvenuta durante Almedalen, nota come la settimana della democrazia, dove politici, esperti e leader si incontrano in piazza con i cittadini. I leader politici dei diversi partiti hanno espresso vicinanza e solidarietà alla collega. Annie Lööf è la leader del partito centrista da oltre 10 anni: durante il suo mandato il partito si è allontanato dalla sua storica collocazione di centrodestra per appoggiare la coalizione di centrosinistra. Recentemente la leader ha dichiarato il suo sostegno a Magdalena Andersson, la candidata premier socialdemocratica, in vista delle elezioni parlamentari svedesi dell'11 settembre. L'attentatore Engström è legato a movimenti di estrema destra, tra cui i neonazisti del Nordic Resistance Movement, secondo quanto riportato da diversi media svedesi.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: