Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Tunisia: Saied, siamo un Paese sovrano

Presidente commemora 22mo anniversario morte Habib Bourguiba

Di Redazione

TUNISI, 06 APR - "La Tunisia è un Paese sovrano, le cui scelte si basano sulla volontà del suo popolo indipendente, lontano da ogni forma di ingerenza straniera". Lo ha sottolineato il presidente tunisino Kais Saied in occasione di una cerimonia di commemorazione per il 22mo anniversario della morte del "Padre della Patria" Habib Mercoledì Bourguiba a Monastir. "La Tunisia non è una provincia e non accetta l'ingerenza di consoli stranieri", aggiungendo "non è possibile passare da una fase all'altra ricorrendo a complotti e gettandosi nella armi di stranieri». "Abbiamo considerazione per gli stranieri e li trattiamo su un piano di parità, come previsto dal diritto internazionale e come dettato dalla nostra dignità e indipendenza, anche prima di questi principi sanciti dal diritto internazionale", ha insistito Saied ricordando il ruolo storico del leader Habib Bourguiba e di altri leader nel raggiungimento dell'indipendenza, concretizzato da decisioni nazionali come la generalizzazione dell'istruzione, la sanità gratuita e lo sviluppo del Codice dello statuto personale. Saied ha ribadito che "non si tornerà indietro", affermando anche che non c'è "valore giuridico per i loro piani strutturati in riunioni virtuali" (riferendosi ai membri del disciolto Parlamento). In risposta alle domande dei giornalisti, il Presidente della Repubblica ha annunciato che alle prossime elezioni legislative sarà adottato un sistema a maggioranza uninominale con due turni di votazione, come da esito della consultazione nazionale, aggiungendo che la commissione elettorale (ISIE) continuerà a supervisionare le prossime elezioni "ma non nella sua struttura attuale". Saied ha anche annunciato l'avvio del dialogo con le organizzazioni nazionali e si baserà sui risultati della consultazione nazionale, respingendo tuttavia qualsiasi ogni ipotesi si dialogo "con ladri e golpisti". Ha anche indicato che la Costituzione sarà modificata o elaborata una nuova Costituzione, a seconda dei risultati del referendum previsto per il 25 luglio. Uscendo dal Mausoleo della famiglia Bourguiba, Kaïs Saïed ha incontrato diversi cittadini che hanno espresso il loro sostegno e gli hanno chiesto di "non tornare indietro".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: