Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Turchia, riprende udienza finale per l'attivista Kavala

Verdetto previsto in serata, chiesto ergastolo per il filantropo

Di Redazione

ISTANBUL, 25 APR - L'udienza finale del processo dove è imputato l'attivista per i diritti umani turco Osman Kavala è ripresa verso le 10:15 ora locale presso il tribunale di Caglayan a Istanbul. La sentenza per Kavala, per cui è stato chiesto il carcere a vita, è prevista in serata, secondo quanto hanno fatto sapere all'ANSA alcuni avvocati presso il tribunale. Presenti in aula come osservatori molti diplomatici occidentali, tra cui rappresentanti di Italia, Usa, Francia, Belgio, Svezia e Svizzera. Uomo d'affari impegnato a favore dei diritti delle minoranze di Turchia, Kavala si trova in custodia cautelare nel carcere di Silivri a Istanbul dal 2017 quando è stato arrestato con l'accusa di "tentativo di rovesciare il governo" per il sostegno alle proteste anti governative scoppiate nel parco Gezi di Istanbul nel 2013. Nel 2020 è stato accusato anche di "spionaggio" a causa di un presunto ruolo nel tentato golpe in Turchia del 2016. In febbraio, il Consiglio d'Europa aveva aperto un procedimento di infrazione contro Ankara a causa della mancata liberazione del filantropo chiesta a fine 2019 dalla Corte europea dei diritti dell'uomo. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ritiene Kavala un oppositore e minacciò di espulsione alcuni diplomatici occidentali - tra cui gli ambasciatori in Turchia di Usa, Francia e Germania - che chiesero la scarcerazione di Kavala in occasione del quarto anniversario del suo arresto a ottobre scorso.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA