Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Ucraina, difensori Mariupol: 'Sono nostre ultime ore, salvateci'

Ufficiale assediato in acciaieria richiede "estrazione"

Di Redazione

KIEV, 20 APR - Quelli che stiamo vivendo "potrebbero essere i nostri ultimi giorni, le nostre ultime ore" di vita: lo afferma in un messaggio su Facebook un ufficiale dei militari ucraini assediati a Mariupol, invitando la comunità internazionale a "estrarli" dall'acciaieria di Azovstal. "Il nemico è dieci volte più numeroso di noi", dichiara Serguiy Volyna, comandante della 36ma brigata della marina nazionale, trincerato nel vasto complesso siderurgico di Azovstal a Mariupol, assediato dalle forze russe. "Facciamo appello a tutti i leader mondiali e li preghiamo di aiutarci. Chiediamo loro di utilizzare la procedura di estrazione e portarci nel territorio di un Paese terzo", aggiunge il militare. Secondo il comandante Volyna, l'esercito russo ha "il vantaggio nell'aria, nell'artiglieria, nelle forze di terra, nell'equipaggiamento e nei carri armati. Difendiamo solo un punto, la fabbrica Azovstal, dove oltre ai soldati ci sono anche i civili che sono diventati vittime di questa guerra", prosegue il militare ucraino. La Russia ha dato un altro ultimatum in scadenza oggi alle 13 ora italiana, invitato gli ultimi difensori della città di Mariupol a porre fine alla loro "insensata resistenza" e promettendo che "la vita sarà salvata" ai combattenti ucraini trincerati nel complesso Azovstal se si arrenderanno.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA