Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Ucraina: Kiev ormai sotto assedio, Mosca mette sotto controllo centrale atomica ma Zelensky rilancia: «I russi perdono migliaia di uomini»

Ma anche la situazione diplomatica è tesissima e la Russia minaccia di bombardare i convogli con gli aiuti alle forze di resistenza

Di Redazione

Mentre Kiev è cinta d’assedio e le bombe russe cadono su molte città dell’Ucraina, l’offensiva avanza anche sul terreno: le forze di Mosca hanno occupato le zone periferiche di Mariupol, nella parte sudorientale del Paese, ma soprattutto l’esercito russo segna un importante risultato sia sul piano pratico, sia su quello simbolico, ovvero la presa della centrale nucleare di Zaporizhzhia. 

Pubblicità

Gli occupanti russi hanno infatti annunciato allo staff che l'impianto non appartiene più all’Ucraina e che d’ora in poi dovrà operare sotto il controllo di Mosca e nel rispetto delle regole di Rosatom, la società statale russa dell’energia atomica. Mosca avrebbe già inviato nel sito 11 suoi ingegneri.

Si tratta della centrale più grande d’Europa. Si trova lungo il fiume Dnepr, non distante da Dnipro, la terza città più popolosa del Paese. La questione energetica diventa così sempre più centrale nella gestione del conflitto. 

Mentre il convoglio dei carri armati russi si trova ormai alle porte della periferia di Kiev, dove la paura di un attacco via terra è sempre più grande, l’esercito russo sta continuando ad attaccare - a quanto riferiscono i governatori delle regioni di Kiev e di Dontesk - anche nelle aree in cui l’Ucraina sta cercando di evacuare le persone e portare loro aiuto attraverso i corridoi. Nelle aree dove si muovono i convogli umanitari si segnalano bombardamenti costanti. 

Movimenti di truppe si segnalano anche in Bielorussia (Paese confinante, alleato con la Russia) che sta inviando cinque battaglioni tattici militari al confine con l’Ucraina: il capo di stato maggiore bielorusso ha però assicurato che questo movimento non è da collegarsi a un possibile impegno diretto in un attacco all’Ucraina. 

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è tornato a rivolgersi alla nazione con un videomessaggio, nel quale ha detto che l’esercito russo ha subito le sue più grandi perdite da decenni, con 21 gruppi tattici dei battaglioni finora resi incapaci di combattere. 

A livello diplomatico la situazione si fa sempre più tesa. Il viceministro degli esteri russo Sergey Ryabkov, ha detto che l'occidente ha dichiarato una guerra economica e che «le proposte della Russia agli Usa e alla Nato sulle garanzie di sicurezza non sono più in vigore, perché la situazione è cambiata».

Mosca minaccia anche ritorsioni nel caso in cui la Svezia e la Finlandia dovessero aderire alla Nato e avverte gli Stati Uniti che i convogli con le armi inviate in Ucraina potrebbero essere un «legittimo bersaglio» delle forze armate russe. 

Una nuova telefonata sulla crisi c'è stata tra il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente russo Vladimir Putin. I leader di Francia e Germania hanno parlato anche con Zelensky che li ha invitati a impegnarsi per il rilascio del sindaco di Melitopol. 

Un appello a fermare lo «scempio» della guerra arriva anche dalla Santa Sede, con il Segretario di Stato del Vaticano Pietro Parolin e con Papa Francesco che rilancia il proprio messaggio: «Mai la guerra! - dice - Pensate soprattutto ai bambini, ai quali si toglie la speranza di una vita degna: bambini morti, feriti, orfani; bambini che hanno come giocattoli residui bellici. In nome di Dio fermatevi!». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: