Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Ucraina, Macron ribadisce il suo no alla parola 'genocidio'

'Escalation verbale non serve e non aiuta'

Di Redazione

PARIGI, 14 APR - Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha ribadito oggi - a proposito della polemica sul suo rifiuto di impiegare la parola "genocidio" per definire le operazioni russe in Ucraina - che "l'escalation verbale" non "aiuterà" gli ucraini e potrebbe spingere gli occidentali a intervenire. Macron - parlando ai microfoni di France Bleu - ha detto di aver parlato in mattinata con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ieri aveva detto di essere stato "molto ferito" dal rifiuto dell'omologo francese di denunciare un "genocidio" nel suo paese, a differenza del presidente americano Joe Biden. "La parola genocidio ha un senso" e "deve essere una qualifica stabilita da giuristi, non da politici", ha detto Macron durante una visita elettorale nella città portuale di Le Havre, nel nord della Francia. Secondo lui, "gli stati che parlano di genocidio, secondo le convenzioni internazionali, dovrebbero intervenire. E' questo che la gente vuole? Io non credo", perché significherebbe "diventare cobelligeranti" nel conflitto. "Tutti devono mantenere il discernimento - ha proseguito Macron - questo non significa aiutare l'Ucraina, ma entrare nell'escalation verbale senza trarne tutte le conseguenze. Io mantengo la stessa linea d'azione: fare di tutto per fermare questa guerra, essere al fianco degli ucraini, continuare con le misure di solidarietà ed agire per ritrovare la pace e proteggere i nostri connazionali dalla guerra".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA