Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Ucraina: Timoshenko, Mosca vuole raderci al suolo

Ex prima ministra, questo è un attacco a tutto il mondo libero

Di Redazione

ROMA, 10 MAR - Quanto emerso dall'incontro ad Antalya tra il ministro degli Esteri ucraino, Kuleba, e quello russo, Lavrov, "è molto chiaro. All'Ucraina, praticamente, è stato negato il corridoio umanitario per portar via i civili da Mariupol. Questo è il risultato di cui ha parlato il nostro ministro degli Esteri. Nonostante questo dolore, e sapendo che già più di mille persone sono morte a Mariupol, i russi hanno rifiutato di aprire dei corridoi umanitari". Lo ha detto a Sky Tg24 Julija Tymoshenko, l'ex prima ministra ucraina. "Lavrov ha detto chiaramente per i militari russi va tutto secondo i piani. Potete immaginare di che piani si stia parlando, di ammazzare un Paese democratico al centro dell'Europa. Loro vogliono raderci al suolo. Questo è il risultato di questi negoziati", ha continuato Tymoshenko. "I russi non si arrendono, hanno detto che le loro condizioni rimangono le stesse - ha proseguito -. Non considerano l'Ucraina uno Stato, sono contrari alla nostra lingua, alla nostra cultura, alla nostra esistenza, e per questo ci ammazzano. È un genocidio del popolo ucraino. Non voglio che il mondo pensi che questo è un attacco solo contro l'Ucraina: bisogna capire che questo è un attacco a tutto il mondo libero", ha aggiunto.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: